Utente 254XXX
Gentili dottori,
una delle questioni che dopo tanto tempo non mi è ancora chiara, riguarda le modalità di contagio di hiv per via indiretta.
Vi faccio un esempio: in treno senza pensarci scortico un piccolo pezzetto di unghia e lo passo tra le dita pungendomi leggermente. Non so se mi sia ferito e non ci ho pensato. Poco dopo ho dovuto aprire la porta per scendere e prima di me sono scesi due extracomunitari (che possono essere sanissimi come non esserlo). La mia domanda è: ammesso che avessi qualche taglio/ferita e toccassi la maniglia della porta (precedentemente toccata da un'ipotetica persona infetta anch'essa ferita ecc) che rischio c'è di contagio?
Grazie per l'attenzione e buon lavoro.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente
No nessun rischio in modo assoluto.
Cordialità e per approfondimenti
www.venereologo.it
[#2] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta, dottore. Ovviamente vale anche all'inverso il ragionamento e cioè procurarsi una ferita o un taglio o lesione che sia (ad esempio togliendo via la pellicina intorno alle unghie) con mani infette? In pratica per preoccuparsi realisticamente di contagio cosa è sufficiente che accada? Grazie ancora e buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Pejrano
20% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
cosa intende con mani infette?
Il virus dell'H.I.V si può trasmettere:
1- per via sessuale con rapporti non protetti da preservativo nel caso uno dei due soggetti sia sieropositivo. Sono a rischio anche i rapporti orali in presenza di liquidi genitali.
2- per via ematica, cioè per contatto di sangue infetto con ferita o mucosa.
Lei faceva l'esempio di una maniglia della porta di un treno. Il virus non si trova su oggetti dell'ambiente esterno, a meno che non siano entrati direttamente a contatto con sangue infetto (aghi, forbici, tronchesini, etc.), non certo la maniglia di una porta.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore, mi riferisco a contatti con presenze di liquidi biologici infetti, cioè se qualcuno lascia tracce di sangue su un oggetto e una persona tocca questo oggetto con mani lese, con tagli o ferite; in ogni caso mi è sembrato di capire che il contatto con liquidi infetti deve avvenire in maniera diretta e stretta, chiedo a lei x conferma... se invece ci si punge con oggetti appuntiti già con tracce di sangue infetto sopra, che nn siano siringhe, rasoi, ecc, cosa si rischia? È necessario che l'oggetto penetri molto nella pelle? Grazie