Utente 729XXX
Salve ho 49 anni e da circa 2 mesi mi è comparsa una macchia rossa (6 cm in lunghezza e 3 cm in larghezza) sulla parte destra della schiena. Inizialmente la macchia mi procurava prurito poi si è pian piano alleviato. Ho ascoltato il parere di diversi dermatologi ma nessuno di loro ha saputo darmi una risposta precisa. Alcuni hanno ipotizzato la puntura di una zecca. Attualmente ho fatto gli esami degli anticorpi anti borrelia e come valori mi è uscito 1/16. Cosa significano questi valori? Può essere realmente la puntura di una zecca? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Necessario il nuovo consulto e in assenza di una diagnosi, anche una biopsia cutanea, programmi la sua visita con fiducia.

cari saluti

[#2] dopo  
Utente 729XXX

Iscritto dal 2008
Mi sono già consultata con diversi medici come ho già scritto, volevo sapere un suo parere sulla gravità dell'infezione. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Beh, senza una diagnosi, mi sembra del tutto impraticabile alcuna definizione della prognosi e della gravità della situazione, ancor più da una sede telematica che non vede e valuta direttamente il problema ma serve per fornire solo un orientamento al paziente.

come asserito in precedenza è necessario non perdere la fiducia nel dermatologo che a mio avviso e se ritenuto oportuno, deve per necessità approfondire l'iter diagnostico anche con una biopsia cutanea (semplicissima e rapida da effettuare)

ancora saluti

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente la puntura della zecca può comportare fenomeni irritativi e/o infettivi locali,importante è anche valutare che non sia stato ritenuto il rostro(estremità cefalica)della zecca.Una delle complicanze può essere la Malattia di Lyme o Eritema cronico migrante così chiamato proprio per la comparsa di una chiazza eritematosa caratterizzata da anelli concentrici che si allargano in senso centrifugo, determinata dalla Borrelia Burgdorferi.All'obiettività clinica cutanea si accompagna febbre e malessere generale.La diagnosi viene fatta pertanto attraverso visione di ciò che le è comparso sulla cute,accertamenti laboratoristici ed istologici nel caso non sia chiara la situazione.Pertanto l'invito è quello di affidarsi ad un Dermatologo che la possa seguire ed ottenere una diagnosi definitiva, perchè non è detto che di ciò di cui ho parlato si tratti.
Cari saluti