Utente 292XXX
Gentili dottori di Medicitalia,
ho 38 anni e fino ad un anno fa sono sempre stato in ottima salute. Ora mi ritrovo ad accusare diversi sintomi che mi fanno preoccupare ma che non sono stati inquadrati in alcuna patologia dopo varie visite ed esami.
Riassumo i sintomi: pene dolorante, di consistenza fibrotica ed assenza totale di erezioni, freddo ingiustificato ai piedi, secchezza oculare (riscontrata dall'oculista), intorpidimento frequente agli arti, stipsi, difficoltà sempre più grave a deglutire, minzione non frequente ma irregolare, bocca secca, sporadiche contrazioni involontarie dei muscoli delle gambe e delle braccia. Dopo gli sforzi il glande diventa cianotico e sgonfio, come privo di sangue.
Visita andrologica, test ormonali, ecocolordoppler ed ecografia peniena negativi. Visita neurologica: quadro nella norma. Carico glicemico negativo, RM encefalo e rachide negativi.
Questi problemi sono sorti un anno fa, sono durati per due mesi, poi si sono via via attenuati e sono ricomparsi un mese fa più intensi di prima.

Di cosa potrebbe trattarsi? A quale specialista dovrei rivolgermi?

VI ringrazio per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
il primo passo potrebbe essere quello di confermare/escludere con test obiettivi la presenza di problematiche organiche che possano giustificare i sintomi che lamenta. In questo senso il "giro" degli specialisti è condivisibile, così come l'esecuzione di certe indagini soprattutto di tipo strumentale.
In particolare sembrerebbe utile la valutazione dell'oculista (con test di lacrimazione) e poi dell'immuno-reumatologo (previo esame capillaroscopico a mani e piedi).
Saluti,