Utente 310XXX
salve: gia ho scritto in precedenza presso il vostro staff pero ultimamente ho eseguito un altro test da sforzo per ottenere l idoneità agonistica presso un centro di medicina sportiva , prima di eseguire il test ho riferito al medico di soffrire di extrasistole ventricolare egli ho anche fatto vedere gli esami diagnostici fino ad allora eseguiti tra cui un eco in cui si evidenziava solo un lieve rigurgito mitralico e un holter in cui si riscontravano soltanto 31 extrasistoli ventricolari isolate monomorfe e una coppia monomorfa e un test da sforzo che diceva :test massimale negativo per ischemia cardiaca indotta dallo sforzo asintomatico normale comportamento della p.a normale la fase di recupero frequenti extrasistoli ventricolari prevalentemente all acme dello sforzo e nell recupero , questo test è stato eseguito su tapis roulant , fatti vedere questi esami ho eseguito il nuovo test da sforzo questa volta su cicloergometro e questa volta nessuna extrasistole durante lo sforzo nemmeno all massimo soltanto 2 ventricolari nella fase di recupero e mi è stata data l idoneità agonistica . adesso io mi chiedo come mai i due test sono risultati differenti ?nonostante mi sia stata rilasciata l idoneità agonistica per ciclismo io non esco più con la bici perché ho paura possa succedermi qualcosa ,voglio dirvi anche che soffro di ansia e attacchi di panico e vorrei sapere se devo effettuare altre indagini , sono terrorizzato fatemi sapere grazie e scusate la lunghezza.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'extrasistolia della quale soffre da quanto riporta è del tipo benigno. Considerare pericolosa un'extrasistolia ventricolare che aumenta con lo sforzo e benigna una che al contrario sparisce con l'attività è riduttivo e spesso forviante...Di fatto non c'è necessariamente un rapporto diretto tra le due cose e i criteri per la definizione di benignità sono altri. Concludendo mi sento di tranquillizzarla, ma l'ansia non l'aiuta e se non riesce a dominarla da solo chieda aiuto ad uno psicologo.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
ok grazie dottore . arrivederci