Utente 156XXX
Egregi medici,
brevemente spiego la mia situazione. Sono una ragazza di 25 anni, non fumo e non bevo e da quando ho perso il lavoro faccio una vita sedentaria e spesso sono nervosa. Premetto che nonni e papa sono ipertesi.
Un paio di anni fa scoprii di avere la pressione alta, feci visita cardiologica, ecg, esami renina e aldosterone e in piú un holter per 24 ore e tutto risultó essere apposto, non mi trovarono niente e nemmeno avevo bisogno di antiipertensivi. L holter misuró una pressione nella norma.
Ora, mi trovo ad averla di nuovo alta, 160-90/100. Sono andata dal mio medico di base e specifico che non mi piace affatto come medico, senza approfondire nuovamente mi ha prescritto Nebivololo 5 mg, una/die e ha detto di "provare" con questa per un mesetto e poi semmai mi manderà a fare delle analisi del sangue per vedere se c'è qualcosa che scatena questa pressione.
Io dico, le analisi non sono da fare prima di iniziare la terapia con Nebiscon?? Io non mi sento di prendere farmaci prima di aver esaminato le cause. Io non ho iniziato ad assumerla.
Non ho sintomi particolari, ogni tanto avverto un leggero senso di affaticamento anche senza avef fatto sforzi. Rischio qualcosa?
Come comportarmi? Vista la mia giovane età vorrei approfondire la situazione.
Chiedo, se inizio la terapia farmacologica, significa doverla fare per tutta la vita?
So che le vostre risposte non devono sostituire quanto detto dal medico ma vorrei sentire un opione diversa.
Grazie, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Condivido...
Faccia un Holter pressorio durante le temperature climatiche dell'attuale stagione invernale e poi si vedrà.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore.

Una domanda alla quale tengo molto. Il betabloccante, 5 mg nebivololo, influenza in qualche modo il ciclo mestruale oppure le due cose non hanno una relazione?

Ora non ci sto pensando ma un giorno in futuro lo desidero, un figlio. Il trattamento farmacologico per caso riduce la ferilità?

Grazie
Distinti saluti