Utente 128XXX
Buongiorno dott.
sono una signora 65enne da 10 anni ipotiroidea compensata con eutirox
circa 1 mese fa ho iniziato con mal gola forte,, trachea infiammata raffreddore e tosse non catarrosa ma insistente. dopo 2 antibiotici, tachipirina, sciroppi x tosse, la tosse
meno, ma persiste. il mio medico di base mi ha prescritto il Broncomunal x le difese.
Le chiedo se è compatibile con la tiroidite di hascimoto che io ho. e quindi se lo posso assumere tranquillamente.
Per la gola infiammata con tosse?
Grazie x la disponibilità e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
gli immunostimolanti sono genericamente controindicati nei soggetti affetti da malattie autoimmuni (e la tiroidite di Hashimoto fa parte di questa categoria).
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera dott.Marchi,

La ringrazio x la cortese risposta.
I miei dubbi Lei me li ha confermati.
Mi erano stati dati dal medico di base, che sapeva della mia tiroidite.

Grazie molte e buon lavoro.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Posso ora confessarLe che la mia risposta in realtà aveva un intento in qualche modo provocatorio.
La relativa controindicazione alla prescrizione degli immunostimolanti in corso di malattia autoimmune riguarda il potenziale effetto stimolante della deriva autoimmunitaria.
Questo però è essenzialmente un rischio teorico, poiché non mi risulta che esistano studi clinici in grado di dimostrarlo e tantomeno quantificarlo.
Anzi, in senso più ampio e sempre teorico, lo stimolo specifico potrebbe effettivamente sortire azione protettiva verso infezioni conclamate che, a loro volta, potrebbero essere indirettamente (così come in generale l'uso dell'immunostimolante) responsabili di un'attivazione di cloni autoreattivi.
Vista poi "alla rovescia", è assolutamente discutibile l'effettiva efficacia clinica dell'immunostimolante nel singolo sia in senso protettivo sia per quanto riguarda l'ipotetico rischio - in senso aspecifico e autoreattivo - connesso al trattamento.
In altre parole, non si può dire se il Suo medico curante abbia fatto bene o male a prescriverLe l'immunostimolante. La valutazione deve essere fatta conoscendo bene il quadro clinico e soppesando - per quanto possibile - i possibili benefici e i possibili rischi; probabilmente nessuno può fare questo tipo di valutazione, nel Suo caso, meglio di lui.
Spero di non averLe confuso le idee.
Cari saluti,
[#4] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
buongiorno dott.Marchi,
La ringrazio per la esaustiva risposta.
Le volevo chiedere:
- Posso fare la vaccinazione antinfluenzale a Novembre?
- ci sono prodotti x stimolare le difese immunitarie omeopatici e se sono validi?
- quale altro prodotto nel mio caso posso assumere x le difese?
La ringrazio se Vorrà rispondermi.
Buon lavoro:
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Per la vaccinazione antinfluenzale vale più o meno quanto già detto per l'immunostimolante.
Per rinforzare le difese immunitarie, per quanto possibile, è sufficiente adottare (o mantenere) uno stile di vita sano.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
buongiorno dott.Marchi,
La ringrazio ancora una volta x la gentile risposta.
Buon lavoro-