Utente 299XXX
Salve. Descrivo nei dettagli sperando di essere chiaro.
Più di 5 anni fa ho cominciato ad avere perdite di liquido biancastro e denso dopo la minzione, alle quali seguivano 30-40 minuti di bruciore nell'ultimo tratto dell'uretra e uno strano dolore alla pancia, dopodichè tutto scompariva. Presentandosi questi episodi di rado ho trascurato la cosa. Sembrava essere scomparsa ma i sintomi sono ritornati più frequentemente e continuo a convivere con questo problema che si ripresenta senza preavviso a intervalli irregolari(a volte 1 mese, altre 3), adesso con perdite di liquido lattiginoso molto fluido e conseguente bruciore a mal di pancia di variabile intensità. Ho preso diflucan sotto consiglio medico. Ho fatto urinocoltura(2 volte) e tamponi uretrali ma non sono usciti fuori batteri o quantaltro. Dopo un'episodio particolarmente forte 2 mesi fa accompagnato da sintomi nuovi quali leggeri ma continui spasmi e sensazione di peso e occlusione nella zona perineale mi sono sottoposto a visita andrologica. Il dottore mi ha palpato lo stomaco, esplorazione rettale per la prostata, ecografia all'addome(credo dell'apparato urinario) e controllo testicoli e glande e mi ha detto che è tutto a posto. Secondo lui è solo stress e conseguente irrigidimento muscolare addominale che provoca questi problemi e di prendere ibuprofene quando compaiono i sintomi e rilassarmi. Io ad oggi ho ancora le perdite e saltuariamente gli spasmi. Cosa posso fare? Puo' davvero essere lo stesso stress da anni a provocare tutto ciò. Quali esami mi consigliate? alla lunga questi problemi possano avere conseguenze più gravi?
Grazie in anticipo per la vostra costante prontezza di risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
La sintomatologia da lei riferita è molto suggestiva per una uretroprostatite probabilemnte sostenuta da una infezione batterica. Le suggerisco di eseguire una corretta diagnostica colturale, sia sulle urine che sul liquido seminale e praticare anche un tampone dell'uretra per la ricerca di germi comuni e miceti e di germi quali Chlamydia e Trichomonas. Con i risultati di tali esami si recherà poi dal suo medico che gestirà la situazione secondo le proprie competenze piuttosto che indirizzarla a visita specialistica urologica.