Utente 182XXX
Buongiorno dottori, sono una ragaza di 24 anni e avevo già richiesto un consulto simile ma ho bisogno di ulteriori delucidazioni. Da anni avverto le extrasistoli ma ci ho sempre convissuto tranquillamente perchè non mi davano problemi e il primo holter (4 anni fa) ne aveva registrate pochissime: 6 bevs e 2 bev isolati. Il problema vero inizia nel marzo 2013 quando una mattina dopo aver bevuto caffè ho avertito come 3 extrasistoli una dietro l'altra sottoforma di palpitazioni in corrispondenza del giugulo. Mi sono molto spaventata e ho rifatto gli esami: gli esami del sangue (anche tiroidei) erano nella norma a parte un leggero calo di magnesio e potassio ai limiti inferiori di norma per cui mi hanno consigliato MAG2, ecocardio totalmente normale e l'holter che è quello che mi ha preoccupata. Durante la registrazione ho riavvertito quella brutta sensazione di 3/4 extrasistoli in gola consecutive. Il referto dice che ho avuto 6 bevs isolati, 20 bev isolati e una "breve salva lenta". Quest'ultima è di fatto una tripletta di extrasistoli ventricolari ad FC di 100 bpm. Ho mostrato il referto all'aritmologo che mi segue presso il centro cardiologico Monzino di Milano il quale mi ha detto che non è una cosa aggressiva in quanto ha una frequenza lenta e secondo lui è stato più uno "scappamento" perchè il primo battito della tripletta inizia rispettando quasi il ritmo sinusale, ovvero non è precoce. Nonostante questo mi ha fatto fare un test da sforzo che è risultato negativo (nessuna aritmia e nessun segno di patologia) e anche una RMN con gadolinio che è risultata anch'essa totalmente normale. Da allora non ho avvertito più nulla di simile e mi sono tranquillizzata, fino all'altra sera in cui ho risentito quel paio di palpitazioni in gola che mi ha messo tanta paura: dura al massimo 2 secondi ma è orribile da provare, e non mi do pace perchè nonostante i recenti accertamenti ho paura di avere qualcosa che no va. Non riesco più a fare sport perchè ho paura che quelle extrasistoli mi vengano sotto sforzo e non so come comportarmi. Ho notato che le 2 volte in cui ho sentito quel sintomo corrispondono ai due periodi di tanto tanto stress, potrebbe essere correlata la cosa? cosa dovrei fare? il mio aritmologo sarà reperibile solo settimana prossima e non ho modo di vederlo per riferirgli di aver risentito quelle extra. cosa ne pensate di quel che dice il mio cardiologo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Credo proprio che i colleghi abbiano ragione. Il quadro aritmologico che lei riporta non modifica la valutazione e il valore che gli è stato attribuito. Si tranquillizzi
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore! Data la sua esperienza cosa potrebbe avermi provocato ciò visto che tutti gli esami sono negativi?