Utente 336XXX


Salve! Ho una bimba di 4 anni e mezzo che due anni e mezzo fa, a seguito di una
caduta, ha perso gli incisivi superiori. Tramite visita foniatrica le è stata
diagnosticata una deglutizione atipica infantile(ha tolto il biberon a 18 mesi
ed il ciuccio a due anni e mezzo). La bimba presenta diverse dislalie: paa
invece di palla, temo invece di scemo, tole invece di sole, tatta invece di
tazza, tao invece di ciao, detto invece di getto, amo invece di ramo, taro
invece di faro, boi invece di voi.
Siamo in lista d’attesa presso strutture pubbliche e private per iniziare le
sedute di logopedia ma nel frattempo la bimba da sola ha iniziato a
pronunciare la L prima nelle doppie poi nelle altre paroline. Dietro consiglio
del pediatra e dell’insegnante, abbiamo iniziato a fare degli esercizi a casa
seguendo il testo “Correggere i difetti di pronuncia”, tralasciando quelli per
la deglutizione atipica ed “assecondando” quei fonemi che spontaneamente la
bimba inizia a pronunciare correttamente. In 5 settimane circa abbiamo
impostato correttamente i fonemi Lana, SCiarpa, Sole, Scuola anche se la bimba
non li utilizza sempre nel parlare spontaneo.Tra l’altro inizia a soffrire di
una certa frustrazione quando i suoi cotanei le chiedono perchè non ha i denti
e perchè non parla bene. I miei dubbi sono i seguenti: la bimba va corretta
nel suo parlare quotidiano per i fonemi che già abbiamo impostato ma che
tralascia di pronunciare correttamente? Come posso arginare il problema della
frustrazione? Per quanto riguarda i fonemi F e V dovrò aspettare la comparsa
degli incisivi definitivi? La mia seconda bimba di due anni, che ha gli stessi
difetti di pronuncia della maggiore, va già corretta? A che età bisogna
inizare a preoccuparsi per la mancata pronuncia di questi fonemi?Spero di
essere stata chiara… Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Partiamo dalla fine: sicuramente una logopedia non va iniziata prima dei 3 anni e mezzo 4 anni, per cui, dopo possibilmente aver frequentato la scuola materna, intorno a quest'età si rivaluta la situazione e si decide se iniziare o meno un trattamento logopedico. I foni V e F richiedono gli incisivi per una corretta pronuncia e pertanto non si può provare ad impostarli in loro assenza. Infine, correggere la piccola è utile per automatizzare i foni impostati ma richiede molto buon senso proprio per ridurre l'ansia. Mi sento di rassicurarla perchè la piccola avrà tutto il tempo per "recuperare".
Buona serata!