Utente 337XXX
Spett. Redazione: Sono un uomo di 48 anni e mi trovo ad affrontare un problema alquanto strano, ho problemi di erezione nella prima fase di eccitazione, nel senso che perdo molto tempo a ad ottenere una rigidità del pene per la penetrazione, ma dopo non ho problemi a continuare anche a lungo e senza problemi per l'ogasmo e l'eiaculazione. Spiego meglio: riesco ad avere un'erezione consistente solo con stimolazione diretta sui genitali ed è venuta a mancare quella bellissima sensazione dell'erezione data da stimoli visivi o mentali, questo è successo piano piano nel tempo ma noto che và a peggiorare. Per darvi un quadro più completo vi dico che le erezioni notturne ci sono e di ottima qualità, spesso al risveglio la rigidità del mio organo è talmente marmorea da non consentire per alcuni minuti la minzione, ma appena del tutto sveglio il mio pene torna in letargo. Aggiungo che ho una partner stabile, mia moglie, da più di 25 anni, e questo penso sia un bene perchè sono a mio agio tantè che lei non si è accorta del mio problema che necessita di preliminari molto lunghi. Ritengo di non avere problemi di natura organica, non ho mai fumato, ho un peso nella norma, non ho patologie, ma faccio una vita sedentaria e a volte eccedo con l'alcool, sia ben chiaro nulla a che vedere con alcolismo ma la passione per la buona tavola e per le cene con gli amici mi portano a consumare qualche bicchiere di rosso in più della norma, un po di colesterolo alto (220) ma in famiglia lo portiamo tutti così alto. La mia domanda e la seguente: è normale che a 50 anni la sessualità sia così ridotta? Capisco che il testosterone in un 50enne è molto inferiore che in gioventù ma mi sento come una candela che si va spegnendo! Un'altro indizio è che dopo un rapporto intenso e gratificante mi occorrono molti giorni per ricaricarmi, scusate il termine improprio. Ho provato ad assumere il cialis che non ha dato grandi risultati, nel senso che ne sentivo l'effetto ad erezione innescata, ma è stato assolutamente inutile nella prima fase di eccitazione, insomma ad esprimermi a parole povere questo farmaco potenzia il sistema idraulico, ma io non ne avevo bisogno tantè che l'erezione era troppo dura ed innaturale, ma non sortiva effetti migliorativi sul sistema che innesca l'eccitazione. Vi sarei veramente grato se mi aiutaste a capire cosa mi succede. Grazie...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,prima di prescrivere una terapia,si pone una diagnosi.E' necessario,quindi,che uno specialista reale la visiti e,attraverso l'esame obiettivo,i dosaggi ormonali e l'ecodoppler penieno dinamico,chiarisca il quadro clinico,ormai condizionato dagli scontati riflessi psicologici.Cordialità.