Utente 167XXX
Mia madre 87 anni, soffre da anni per aneurisma addominale. E' possibile che il chirurgo si rifiuti di operare poichè ritiene ( a totrto od a ragione) che le condizioni generali sono abbastanza gravi? Se noi figli ci assumiamo tutte le responsabilità per un eventale evento negativo dell'operazione, il chirurgo è obbligato a tentare l'operazione?
Grazie per la risposta.
Antonio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore non posso esprimermi dal punto di vista medico, poichè non ho dati a sufficienza per farlo nè mi è possibile visionare la documentazione di sua madre per via telematica, ma posso comunque darle un consiglio professionale.....Quando noi medici prendiamo decisioni su eventuali terapie lo facciamo in conseguenza di un adeguato bilancio del rischio/beneficio. Si pongono pro e contro sui due piatti di una metaforica bilancia e si valuta il peso che domina....Nel caso di sua madre evidentemente la "bilancia" pende dal lato dei "contro" e il discorso di obbligare un medico a fare un intervento che non ritiene opportuno a mio giudizio non stà nè in cielo nè in terra. Pur comprendendo le motivazioni ch l'hanno spinta a formulare la domanda, mi permetta di dissentire e di consigliarle di avere più fiducia nei medici che stanno seguendo la mamma...
Cordialmente