Utente 337XXX
Salve, soffro di intestino irritabile da 20 anni e ne ho provate di tutti i colori per capire cause e alleviare i sintomi che principalmente consistono in gonfiori e diarrea (vado in bagno in media 4 volte al giorno (solido o semi), ma anche di più a giornate arrivo a 8-9).

Ho già provato in passato a togliere alcuni alimenti, poi a reintrodurli e mi sono focalizzato sul grano che a mio avviso mi faceva star male (pizza e pane e pasta se li mangio nel giro di 12 ore gonfio e mi manda in bagno).

Ho passato 3 gastrologi che dopo tantissimi test (effettuati all'inizio e poi rifatti a distanza di anni) hanno escluso complicazioni gravi come il m d crohn, colite ulcerosa e mi hanno bollato come sindrome intestino irritabile. Ho anche fatto il test del dna per la celiachia, esclusa del tutto.

da 3-4 anni ho una forma di eritema solare che mi viene se mi metto al sole (bastano anche 20minuti) da giugno a settembre, ossia quando i raggi UVA sono forti. negli altri mesi in media non ho sintomi cutanei

Tramite patch test ho scoperto di avere un'allergia al cobalto cloruro (4+) ed al nichel (2+), la domanda che mi chiedo: potrebbero essere queste due sostanze la causa dei miei malesseri? vedendo la lista dei cibi ce li contengono risulta che praticamente sono ovunque.

Stavo pensando di andare da un dietologo generico per farmi fare una dieta non sbilanciata, ma non so se forse sia il caso di trovarne uno anche esperto in allergie?

Gradirei un parere per sapere se queste allergie possono presentare forme pesanti di mal-digestione come nel mio caso, oppure probabilmente sono solo un fattore che si somma ad altro poichè tipicamente non danno luogo a tutti i problemi come i miei.


E seconda domanda, ci sono test affidabili per cercare di valutare un'intolleranza a qualche cibo? in rete ho trovato opinioni divergenti su vari del sanguei. Gradirei un parere anche su questo se possibile

buona giornata e grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Claudio Ragno
24% attività
8% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Egr. Sig, la sua positività al Nichel con la conseguente ingestione di alimenti a alto contenuto di Nichel e/o l'uso di pentole in alluminio può sicuramente causare anche i disturbi da lei riferiti, da qualche anno esiste in italia una terapia desensib. per il Nichel è prodotta dalla Ditta Lofarma di Milano ed e di semplice esecuzione poichè a cp

Auguri
[#2] dopo  
Utente 337XXX

Iscritto dal 2014
Dottor Ragno grazie per la risposta. Mi informerò sicuramente di questo trattamento (cp immagino stia per compresse).
Speriamo mi aiutino ad attenuare i sintomi. Buona giornata