Utente 218XXX
Salve,

ho scritto anche in passato. Sono andato da due andrologi (in due città diverse).
Ho fatto esami (doppler, caverject dolorosissimo etc). Nulla. Non è uscito nulla.
Eppure ho difficoltà nel raggiungere e mantenere l'erezione.
Devo in pratica "strizzarlo" (sentendo anche una forzatura).
Eretto ha una specie di forma a "cono": ovvero alla base eretto, ma non alla punta.
Il corpo cilindrico inferiore è difficilmente eretto, come se non arrivasse sangue, tra l'altro creandomi fastidio e dolore (come se sentissi una puntura di spillo).
(Il primo medico mi ha prescritto del Cialis e similari per valutarne le reazioni).

Avere rapporti è difficoltoso, se non impossibile.
(a titolo di informazione, il prossimo controllo è tra mesi... mettetevi nei miei panni).

So che vanno fatte di persona le visite, ma almeno un consiglio o una seppur sommaria spiegazione (e magari un rimedio nel frattempo di una diagnosi)

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'esito negativo delle visite specialistiche ,nonché degli esami strumentali ed ematochimici deve tranquillizzare,per cui,oltre a consigliarle di far riferimento agli specialisti reali,considererei il supporto sinergico psicosessuologico,al fine di limitare l'accanimento farmacologico,fatale nel disagi sessuale di lunga data..Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi ma non sono d'accordo.
Anzi tutto i risultati hanno dato degli esiti (varicocele minimo, una calcificazione, oltre ad una curvatura minima del pene) ritenuti insignificanti. Non ho mai preso farmaci per questa cosa (dunque nessun accanimento)

Non credo che lo psicologo mi possa aiutare, il mio dolore è vero, non è timidezza. Anzi, i dolori, per meglio spiegare. Inoltre sarebbe poco elegante allegare foto, ma avere un pene eretto alla base ma non alla punta non penso sia di competenza della mia psiche.

Credo che comunque debba risolvere prima questo problema per non incorrere in una successiva mancanza di autostima dovuta ad una inadeguatezza sessuale.

Gli andrologi non mi hanno dato risposte (nè positive nè negative) se sono quì è per un parere veloce (dato i tempi con cui sono curato).

Accetto risposte e ipotesi.

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
…non credo vi sia altro da dire.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo al Dr Izzo nella risposta .
Alla sua giovane età un approccio esclusivamente organicista è decisamente miope.
Il disagio sessuale va sempre affrontato in maniera poliedrica ed un accanimento diagnostico e farmacologico, fanno già propendere per un disagio psico/sessuale.

La vita sessuale non è affatto avulsa dalla psiche e soprattutto dalla coppia.


Le allego delle letture ed un canale salute tutto sul d.e


http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
[#5] dopo  
Utente 218XXX

Iscritto dal 2011
Non credo di aver scritto disfunzione erettile.
Ho erezioni. Piuttosto dolorose. Problemi mentali?

E' un problema fisico, ed evidente.
Non è certo la mia testa che crea la curvatura, la differenza di pressione, l'ipersensibilità (manco menzionata dal dottore), il dolore etc etc.

Sò cosa significa il termine "ipocondria", ed io non voglio una diagnosi al nulla, bensì un "nome" a quello che è un effettivo problema.

Piuttosto che buttare soldi in psichiatria / psicologia preferisco spendere soldi per medicinali che non ho mai preso.
Anche perchè, a differenza delle vostre parole, so bene che la psiche non è avulsa, ma quì si parla di un problema reale.

Ad ogni modo possiamo chiuderla quì. Aspetterò i temp abominevoli
della sanità pubblica. Volevo un terzo parere.

Comunque gentilissimi nel darmi del problematico che ha bisogno di un aiuto psicologico.