Utente 130XXX
buongiorno, gradirei se è possibile una spiegazione all'esame eseguito da mo Papà età 73 anni.
L'aorta addominale, 30mm al d sotto dell'emergenza delle arterie renali, presenta dilatazione aneurismica, parzialmente trombotica, con diametro assiale massimo di circa 35mm ed estensione c-c di 25mm.
al disotto di questa dilatazione l'aorta presenta calibro regolare per circa 10mm (23x27mm) e successivamente un'ulteriore aneurisma, anch'esso parzialmente trombotico, bilobato, con diametro assiale massimo di 35x32mm ed estensione c-c di 5mm terminando a livello del carrefour: è presente una stenosi critica dell'a. illica comune di destra all'origine. Nei limiti l'a. illiaca comune di sinistra. L'aorta ha pareti diffusamente calcifiche, anche a livello degli aneurismi.
occlusa l'a.mesentrerica inferiore il cui territori appare rivascolarizzato da circoli provenienti dalla mesenterica superiore e dalle ipogastrich.
a livello dell'a. ipogastrica sinistra si reperta placca fibrotica post-ostiale che determina stenosi significativa. Normale il calibro delle illiache esterne e dell'ipogastrica dstra. Le scandsioni passanti per le basi polmonari mostrano esiti parzialmente fibrotici e calcifici a sinistra.
morfovolumetricamente nella norma fegato, milza, pancreas, reni e surreni.
non linfoadenomegalie addominali ne versamento intra o retroperitoneale.
Volevo aggiungere che mio papà è cardipatico ha avuto 2 infarti e d ha 2 by-pass.
sicura di una vostra risposta porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi
non mi interesso specificamente di problematiche vascolari periferiche, ma credo che vada fatta una valutazione adeguata da un operatore del settore (emodinamista), al fine di stabilire se è possibile aggredire il problema per via percutanea o se (più probabilmente) occorre procedere per via chirurgica classica (di pertinenza del chirurgo vascolare). Chieda un consulto ad un collega della branca specifica e di sua fiducia. Noi da lontano non possiamo fare di più.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille dottore, domani abbiamo appuntamento dal chirurgo vascolare.