Utente 235XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 32 anni causa caduta sulla neve ho eseguito le radiografie alla mano e riportava la seguente dicitura ( distacco parcellare a livello del versante mediale della porzione prossimale della falange intermedia del I° raggio ) questa frattura è al pollice della mano sinistra ma la mano non è gonfia, muovo il pollice liberamente mi fa male solo quando stringo un oggetto, premetto che è da più di un mese dall 'incidente e solo oggi ho fatto i raggi, pensavo che all'inizio non era nulla di particolare. volevo sapere se è una frattura da operare o si risolve con la sola immobilizzazione. ho visto alcuni siti che portava come esito il cosiddetto pollice dello sciatore " cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

quel microdistacco è la spia di una lesione del legamento collaterale ulnare alla metacarpo-falangea del pollice (lesione di Stener).

Va valutato clinicamente se esiste o meno una lassità residua del compartimento ulnare: in tal caso, è necessario un intervento chirurgico.

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
buona sera dottore dopo la radiografia ho effettuato anche l'ecografia al legamento collaterale ulnare ed ha confermato una distrazione di 2° del legamento, volevo sapere se in genere queste operazioni sono di normale rutin e se il legamento torna come prima o ci sono complicazioni , visto che nel mio lavoro devo avere una forza nella mani. grazie anticipatamente
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La diagnosi non è ecografica, ma clinica (manovre di stress articolare).

Se c'è lassità si opera: l'intervento, in genere, dà buoni risultati.