Utente 553XXX
Gent.mi dottori, sono un uomo di 34 anni. Ieri mi sono sottoposto a un eco-doppler ai testicoli, in seguito a un fastidio che ho da qualche settimana al testicolo sx per sospetta epididimite. All'esame strumentale è risultato un varicocele di I° grado. Riporto comunque per esteso il referto: TESTICOLI IN SEDE DI DIMENSIONI E VOLUMI NEI LIMITI. NON SEGNI ECOGRAFICI DI EPIDIDIMITE BILATERALMENTE. REGOLARE IL DIDIMO E LA TONACA ALBUGINEA.VARICOCELE DI PRIMO GRADO A SX. NON IDROCELE. Ignaro, prima, di essere affetto da questa patologia, il prossimo aprile io e mia moglie intraprenderemo una persorso di PMA, a causa di problemi di mia moglie, non gravi, soprattutto legati al fattore età di lei. Sono mesi che abbiamo fissato il persorso e a questo riguardo abbiamo già eseguito tutti gli esami di routine, compreso uno spermigramma con fish e una spermiocoltura, fatti il 28 ottobre scorso, i cui esiti non riporto nello specifico ma con risultati nella norma. Tuttavia, come dicevo, da qualche settimana avverto dei lievi dolori, soprattutto alla parte inguinale sx, di natura lieve, che vanno e vengono e per i quali sto prendendo antidolorifici. Dato che sono spaventato per quanto mi è stato scoperto, soprattutto perché ho paura di inficiare l'esito della PMA, le mie domande sono queste:
E' possibilile che questo varicocele possa avere peggiorato il mio spermiogramma in questi ultimi mesi?
In sostanza posso, procedere con il percorso di PMA ad aprile, oppure ci sono rischi che il mio seme non sia all'altezza per una procreazione?
Aspetto con ansia una Vostra risposta, perché ripeto, ho molta paura di spendere soldi invano e soprattutto di non vedere coronato il mio sogno di avere un figlio, cosa per la quale sto molto male.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

la sua storia sta diventando "un classico", Si intraprende un duro percorso della PMA senza avere effettuato tutte le indagini ed accertamenti atti a verificare concretamente la situazione maschile che,comunque, è una parte non trascurabile dei processi di fecondazione.
I suoi disturbi non dovrebbero preoccuparla
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 553XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo dott. Pozza, La ringrazio vivamente per la Sua tempestiva risposta. Mi perdoni, ma dato anche il mio evidente stato di ansia e di agitazione, ho paura di non interpretare bene il suo messaggio: nessuno mi aveva detto di effettuare anche un esame ai testicoli, peraltro dopo gli esiti favorevoli dello spermiogramma. Ma quindi mi devo preoccupare o possiamo procedere con il nostro percorso della PMA normalmente?

Grazie ancora per la sua gentilezza.