Utente 232XXX
Buongiorno,
scrivo per chiedere un parere riguardo alla possibilità di dare un aiuto alla mia ovulazione mediante l'omeopatia. Purtroppo ho un problema di scarsa riserva ovarica (fhs alto), ovulo ogni mese e il mio ciclo è regolare, ma probabilmente la qualità della mia ovulazione è insufficiente, infatti ho appena fallito un tentativo di fecondazione assistita, poichè malgrado una massiccia stimolazione ormonale, ho prodotto solo due ovociti, di cui soltanto uno idoneo, che ha dato origine ad un embrione di scarsa qualità che purtroppo non ha attecchito.
Probabilmente dovrei rassegnarmi, ma vorrei provare ancora con l'omeopatia. Ho letto di due prodotti che pare diano ottimi risultati: K2F e beta estradiolo d (entrambi GUNA). Vorrei pertanto sapere se effettivamente possono essere utili nel mio caso e se entrambi devono essere assunti ogni giorno, oppure solo in alcuni giorni del mese.
Mi scuso per essermi dilungata e ringrazio per l'importante servizio che offrite.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Silvestri
24% attività
20% attualità
12% socialità
ASTI (AT)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Gentile Signora,

come forse alti medici Le avranno detto,sia Omeopatia che Omotossicologia,implicano una conoscenza approfondita della paziente nello stato in cui , nel caso Suo ,anche nel desiderio di fecondazione.Bisognerebbe sapere di più quindi anche del partner. I farmaci da Lei citati possono essere utili ma ce ne sono anche altri e c'è anche la terapia digitale con apparecchiature di biorisonanza ed altre. Per questi motivi credo davvero,utile che Lei si rivolga ad un medico Olistico, di Medicina Inetgrata

Comunque Le posso dire che la posologia adeguata per K2F è 10 gocce 3 volte al giorno;per estradiolo invece soprassiederei perchè a mio avviso poco utile nel Suo caso


a disposizione
[#2] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottore,
La ringrazio molto per il riscontro. Ho provveduto a contattare una ginecologa presente nella mia città che affianca alla terapia tradizionale, anche la terapia omeopatica. Mi ha detto che analizza, oltre alla storia clinica, anche il quadro psico-emozionale delle pazienti, per cui credo sia il giusto percorso da intraprendere nel mio caso, visto che, tra le altre cose, sono anche una persona molto emotiva e sono stata sottoposta a molti stress/traumi nella mia vita.

Grazie per la sua disponibilità.

Saluti