Utente 337XXX
Buonasera, la mia ragazza tramite un esame batteriologico è risultata positiva all'escherichia coli e le è venuta la cistite, le hanno dato un antibiotico da prendere e creme vaginali...io non ho nessun fastidio, se non sporadicamente un leggerissimo prurito al pene, cosa devo fare? Devo prendere qualche prodotto, un detergente intimo antibatterico? Il suo ginecologo non ha detto di fare una "cura di coppia", ma non vorrei provocare un effetto "boomerang"..
Grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci con creme , detergenti intimi od altro ma, come la sua ragazza è stata valutata dal suo ginecologo, pure lei deve ora sentire o risentire in diretta il suo andrologo di riferimento e da lui, che valuterà per bene la sua reale situazione clinica, poi ricevere le indicazioni mirate da seguire.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 337XXX

Iscritto dal 2014
Egregio Dr. Beretta,

La ringrazio per la risposta, tuttavia ho delle perplessità:
consultando il mio medico di base e spiegandogli la situazione ho ricevuto testuali parole:
"se non hai niente e non ti senti niente, non devi necessariamente prendere qualcosa"
inoltre, una cosa che mi ha ancor più perplesso è stata: "l'andrologo serve più che altro in caso di disfunzioni erettili".

Come lei potrà comprendere, a meno di non andare privatamente (e devo informarmi da chi) bisogna Necessariamente passare attraverso richiesta formale del medico di base per procedere con le asl.


ps: dimenticavo... qualcuno mi diceva che forse dovrei invece consultare un urologo... che devo fare?

La ringrazio ancora sentitamente per il suo aiuto

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

spesso la confusione tra urologo ed andrologo è dovuta al fatto che frequentemente gli specialisti in questione hanno una doppia specialità, come il sottoscritto.

Comunque per ricordare a lei e al suo medico di fiducia che è l'andrologo le consiglio di consultare i seguenti articoli pubblicati sul nostro sito:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/212-cos-andrologia-andrologo.html,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.