Utente 876XXX
Egr. dott.
mio marito 62 anni da qualche mese ha dolore al bacino e difficoltà a camminare. Il medico curante ha fatto fare dei cicli di pillole antinfiammatori ma il dolore diminuisce ma non passa. Ora ha prenotato una radiografia tra 15 giorni. Ma quello che mi preoccupa è che lui nel 2010 ha avuto una neoplasia alla vescica ,operato, e sino ad ora tutto bene. Però quando nel 2010 ha fatto la TAC diceva tra l'altro: Presenza di alcuni subcentimetri linfonodi in sede celiaco-mesenterica,e para-aortica sottorenale sinistra e nel ventaglio mesenteriale.
Nell'ala iliaca di destra ed in sede sovra-acetebolare sinistra si rilevano 2 millimetriche areole di osteosclerosi da riferire a verosimili isole di compatta ossea.
(lui nel 2010 non aveva dolori,camminava bene, andava in bicicletta senza nessun fastidio).
Cosa possono essere queste areole di osteosclerosi? Cosa è la compatta ossea? Possono essere queste a dare i problemi che ha ora ?. Possono essere metastasi della neoplasia vescicale avuta e che magari prima non davano fastidio ma ora si? Che esami potrebbe fare oltre la radiografia?
Grazie sempre per la vostra disponibilità e cortesia

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nicolosi
24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2010
Dare un giudizio senza esame obiettivo ne visione di esami strumentali risulta essere molto difficile se non impossibile.Le aree di osteosclerosi sono delle zone dove il tessuto osseo ha subito un processo benigno di trasformazione da cause ignote la loro presenza in quel periodo a mio avviso a poco a che vedere con il tumore avuto dal consorte ;essendo passati quattro anni dall'inizio della patologia neoplastica e' giusto prendere le dovute contromisure con degli esami diagnostici per escludere la presenza di fenomeni metastatici, in pazienti oncologici nel dubbio di fenomeni ripetitivi ossei viene praticata una scintigrafia ossea total body, ma comunque per questo si affidi ad un ortopedico che si occupa di tumori ossei che le potra' dare tutte le risposte del caso.
Auguri.

[#2] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore per la risposta immediata, dopo la radiografia andremo da un ortopedico e farà la scintigrafia. Ma ammesso che siano metastasi è normale che 4 anni fa non aveva alcun dolore , camminava bene, andava in bibicletta, e ora da circa 4- 5 mesi questo dolore è diventato sempre continuo con difficoltà a camminare, a piegarsi sulle ginocchia, a salire e scendere dalla macchina? In pochi mesi è quasi un invalido con gli antiinfiammatori che ha preso. Può essere artrosi all'anca?
In sincerità secondo lei da quello che le ho detto è più facile che sia artrosi all'anca o un tumore osseo ? Mi risponda sinceramente, anche se capisco che per lettera non può fare una duagnosi, ma mi può dare un idea orientativa. La ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nicolosi
24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2010
Lei in parte si e' gia' risposta , purtroppo mio malgrado ho un limite dove oltre non mi e' possibile esprimermi, le posso solo dire che essendo suo marito un soggetto con un passato oncologico e' giusto prendere tutte le adeguate precauzioni che il caso impone.L'artrosi potrebbe in parte giustificare tale sintomatologia, ma il trascorso del marito giustifica tale iter diagnostico strumentale, ricordi che in medicina gli esami servono per escludere non per confermare.
Auguri.
[#4] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio ancora una volta farà radiografia, visitae scintigrafia, cosi se dovessere essere artrosi staremo più tranquilli
[#5] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
Egr dott.
mio marito non riuscendo più a fare 200 metri è andato dall'ortopedico che ha fatto fare elettromiografia che è negativa, niente di particolare.
La RM ha mostrato un ernia L5-S1 che sa da parecchi anni quando ha avuto una sciatalgia. La radiografia ala bacino ha mostrato segni xgrafici di coxartrosi bilaterale caratterizzata da sclerosi del tetto acetabolare
L'ortopedico ha chiesto un ecodoppler all'addome e agli arti inferiri visto che nella TAC del 2010 c'era una trombosi : Ateroma calcifica dell’asse aorto-iliaco
minima quota di versamento nello scavo pelvico
Presenza di alcuni subcentimetri linfonodi in sede celiaco-mesenterica,e para-aortica sottorenale sinistra e nel ventaglio mesenteriale.
Nell'ala iliaca di destra ed in sede sovra-acetebolare sinistra si rilevano 2 millimetriche areole di osteosclerosi da riferire a verosimili isole di compatta ossea
Io allora quando ho scritto la prima volta non l'ho riportato perchè secondo me c'era nesso. Anche se allora è andato dall'angiologo che gli ha prescitto cardioaspirina e dromos per 6 mesi.
. Ma lui allora non aveva nessun dolore camminava molto a piedi senza problemi.
Il fatto per me strano è che questo dolore alla gamba e all'anca gli viene solo quando cammina a piedi , se va in bicicletta non ha dolore, sa sta a letto o seduto sta bene, ed è iniziato la scorsa estate e si è accentuato verso gennaio e peggiora sempre più. Cosa può essere? Può essere questa trombosi che si è accentuata?
L'artrosi all'all'anca che c'è, cosi dice l'ortopedico, può venere quasi all'imprroviso e portare dolore solo quando si cammina?
Grazie ancora per i suoi consigli