Login | Registrati | Recupera password
0/0

Antitetanica: durata del richiamo?

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente cancellato

    Antitetanica: durata del richiamo?

    Gentili dottori,
    qualche ora fa mi sono punta lievemente un dito con il chiodo di una sedia, mi è uscita qualche goccia di sangue. Mi sono subito disinfettata e messa un cerotto. Ho fatto l'ultimo richiamo dell'antitetanica 9 anni fa, proprio in seguito ad un incidente di questo tipo.
    La mia domanda è questa: sono ancora coperta o devo andare a rifare la vaccinazione?
    Perchè so che la durata del vaccino è di 10 anni, ma non so se il richiamo ha la stessa durata.
    Un dettaglio: quando 9 anni fa sono andata al pronto soccorso per quel piccolo incidente, in realtà non ricordavo la data del richiamo precedente, quindi non so se mi è stato fatto solo un richiamo o il vaccino vero e proprio. Ero in Inghilterra, ricordo solo che ho detto ai dottori che non ricordavo la data dell'ultima vaccinazione e che mi è stata fatta una puntura sul braccio sinistro.
    La ferita che mi sono fatta questa sera è davvero piccola, solo che vorrei stare tranquilla.
    Grazie per l'aiuto.

  2. #2
    professionista non più iscritto (id: 20563)
    La certezza aullo stato immune si ha dosando gli anticorpi antitetano.

    Come regola generale si dice di fare il richiamo con anatossina ogni 10 anni, poi io vedo quando facciamo le analisi che in genere la gente e' protetta anche se non si rivaccina da 20 anni.

    in pronto soccorso di solito fanno immunoglobuline (proteggono a breve ma non immunizzano) assieme al richiamo da anatossina (immunizza, ma funziona a distanza di tempo).

    Infine, il rischio di tetano e' proporzionale alla vastita' della ferita e al suo grado di contaminzaizone col terreno. Il chiodino e' poca cosa, benche'.



  3. #3
    Utente cancellato
    Mi pare di capire che sono a posto, quindi, essendo che il mio ultimo richiamo risale a 9 anni fa e che la ferita è davvero piccola?

  4. #4
    professionista non più iscritto (id: 20563)
    lei a mio avviso e' a posto, ma adesso come dire "recepisce l'avvertimento" e alla prima occasione ne approfitta per fare un richiamo :-)




  5. #5
    Utente cancellato
    Scusi, gentilissimo Dott. Bianchi, ne approfitto della Sua disponibilità per porle ancora qualche domanda:
    - Volendo, posso già fare il richiamo del vaccino? Se spiego al mio medico che non so se 9 anni fa mi è stato fatto il vaccino o solo il richiamo, cosa mi verrà fatto?
    - Vorrei capire una volta per tutte che differenza c'è tra il vaccino vero e proprio e il richiamo? La durata? Quando va fatto uno e quando l'altro?
    - Cosa succede se uno fa il vaccino/il richiamo dell'antitetanica e in realtà è già coperto?
    - Infine: c'è il rischio di interazione tra questo tipo di vaccino e le gocce che vengono messe dall'oculista per dilatare la pupilla durante una visita oculistica?
    Grazie ancora per la Sua gentilezza e pazienza nel chiarire i miei dubbi :-)

  6. #6
    professionista non più iscritto (id: 20563)
    Vaccino e richiamo sono la stessa cosa (si inietta "anatossina tetanica"), cambia la cadenza temporale.

    Nel vaccino da piccoli se ne fanno tre di fila, a quel punto uno e' pieno di anticorpi. Poi questi anticorpi gradualmente declinano, allora ogni tanto ci si ricorda di fare un'altra puntura "di richiamo" con l'anatossina, e ogni volta l'organismo immette un picco di anticorpi nuovi.

    Piu' anticorpi circolano nel malaugurato momento che uno si contamina, piu' alta la dose di tossina tetanica che si puo' neutralizzare. In pronto soccorso nel dubbio oltre fare il richiamo (che fara' effetto a partire da 15 gg. dopo) iniettano anche anticorpi preformati anti-tetano, nel caso il paziente fosse basso di suo.

    Lei il vaccino vero e proprio l'ha fatto da piccolissima, poi da allora avra' fatto un paio di richiami. Adesso chiede un terzo richiamo e al prossimo ci pensa fra dieci anni. Attenzione! non puo' andare in PS a chiedere una vaccinazione "cosi'", deve andare all'ufficio vaccinazioni del suo distretto socio sanitario locale, oppure anche compra un anatetal in farmacia e se lo fa iniettare dal suo medico.

    Se e' gia' coperta e fa un richiamo, dopo risulta piu' coperta ancora. la vaccinazione e' estremamente sicura e scevra da effetti collaterali, neanche i talebani del movimento anti-vaccinale osano parlar male dell'antitetanica.


    Il vaccino non interferisce con l'atropina topica.



  7. #7
    Utente cancellato
    La ringrazio molto per le Sue risposte, è stato davvero gentile.

Discussioni Simili

  1. Il seguente vaccino
    in Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02/11/2009, 21:32
  2. Ha fatto due dosi del vaccino
    in Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/08/2010, 19:31
  3. Procedura di p.s.
    in Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25/05/2011, 23:41
ultima modifica:  28/10/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896