Utente 733XXX
Salve, sono un uomo di 40 anni, Vi scrivo per un dubbio che mi angoscia notevolmente. Mi è capitato un fatto alquanto insolito: passando in un sottopassaggio pedonale che porta al mare mi sono ritrovato una mano bagnata da tre o quattro goccioline di "acqua" provenienti dall'alto; siccome c'era vento ma ero ancora lontano dal mare ho alzato gli occhi per vedere se da sopra la strada c'era qualcuno che schizzava l'acqua e mentre parlavo una gocciolina mi è finita in bocca. La cosa sconcertante è che ho notato che quell'acqua proveniva da un bagno chimico posizionato proprio sopra l'accesso alla spiaggia. Ci sono rischi di contagio per qualche malattia infettiva secondo questa modalità (HIV, epatiti, o altro) se l'acqua proveniva dallo scarico del bagno chimico? La spiaggia era molto affollata, l'inconveniente è successo alle 9 del mattino quindi non credo che il bagno sia stato usato da molte persone a quell'ora però c'è la possibilità che sia stato utilizzato nella notte poiché vicino c'è un bar sulla spiaggia che resta aperto fino a tardi. Il liquido era trasparente proprio come l'acqua, non emanava odori e si è asciugato immediatamente viste le temperature di questi giorni e il vento che c'era; la gocciolina in bocca non aveva alcun sapore. La mano che si è bagnata stava guarendo da una dermatite provocata da un sapone usato giorni prima, non aveva però ferite aperte sanguinanti solo l'eczema un poco arrossato e per quanto concerne la bocca ho le gengive un pò infiammate (non sanguinanti). Ovviamente appena raggiunto il mare mi sono lavato le mani. Devo preoccuparmi? Devo fare qualche test? Vi ringrazio per l'attenzione.
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente l'episodio che riferisce non è a rischio HIV, nè per epatite B o C. Ci può essere un rischio per epatite A, ma vista la quantità d'acqua è remotissimo. Onestamente non farei niente.
[#2] dopo  
Utente 733XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la tempestiva risposta, mi ha molto tranquillizzato. Buon lavoro.