Utente 306XXX
dalla visita cardiologica effettuata ieri , dopo una nuova fibrillazione atriale( risoltasi per fortuna spontaneamente dopo aver preso il multaq)all'ecocardiogramma è risultato "insufficienza mitralica lieve -moderata ed una insufficienza tricuspidale moderata con PAPs stimata 42 mm. Pattern di flusso transmitralico indicativo di alterato rilasciamento ventricolare sinistro
Nelle conclusione dell'esame obiettivo c'è scritto" PRESENZA DI RITMO SINUSALE IN PAZ CON PRECEDENTE DI FLUTTER ATRIALE DA FARMACI AC E PREGRESSI EPISODI DI FA IN TAO.
A voce la cardiologa mi ha detto cheho l'atrio sinistro ingrandito e che devo dimagrire ( peso 100 kg) per evitare le crisi di ernia iatale ,che sarebbero alla base delle mie fibrillazioni,
Non ha dato molto rilievo ai miei sbalzi di pressione La mia pressione misurata in ospedale è sempre elevata 150/80 , mentre misurata a casa , passo da una misurazione di 140/150 sistolica, dopo circa un quarto d'ora passo a 125/135 , mentre la diastolica è sempre bassa .
Controllo fra 6 o 7 mesi , salvo complicazioni.
Devo preoccuparmi? Il cardiologo dice di no.
Grazie per la VS cortesia
.,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei assume il Coumadin e l INR fosse ben controllato non vedrei motivi di preoccupazione.
Il dronedarione è un bel farmaco per la f.a. Ma talora non è sufficiente.
In effetti la riduzione drastica del suo peso le sarebbe di giovamwnto, ma comprendo che alla sua eta sia quasi impossibile dimagrire a meno di grossi sforzi di volonta.
Arrivederci
Cecchini