Utente 520XXX
salve, sono una ragazza di 27 anni ed esco, o non sono ancora uscita da un periodo di forte stress causato da una situazione familiare e affettva che mi ha devastat nel corpo e enello spirito.il mio ragazzo mi ha tradito e vivo nel terrore hiv ma non ho il coraggio di fare il test.ho perso 8 chili ma ora mi sento meglio da una settimene ho ripreso a mangiare sforzandomi.a seguito di uno scrub al viso però, e successiva detersione delle mani con amuchina ho riscontarto l'insorgere du indice medio e pollice delle mani di bollicine che mi provocano dolore e questo da mercoledì fino ad oggi ovvero lunedì, e questo proprio dove subito dopo lo scrub ho sentito una sensazione di sensibilità. con la gentalin le bolle sembrano sparire ma rimane la sensaz di dolore come dopo una scottature, però, da sabato dopo un agiornata al mare, dietro ai gomiti bollicine.la domanda è, il mio medico mi ha presritto le seguenti analisi,prima però del'insorgere delle bollicine:
ft3,ft4,ferritina,tsh,transferrina,emocromo completo con formula e piastrine,colestrolo hdl,esame urine completo,uricemia,creatinina,ferro,bilirubina totale e frazionata ematica,azotemia,gpt,colesterolo ldl,got,colesterolo totale,gammaGt, analisi che non ho ancora fatto perchè prma delle bollicine ho auto un episodio di tonsillite follicolare e quindi terapia con velamox. che faccio?soprattuto per richidre test hiv?ci vuole consulto medico? ps sono andata all'avis per chiedere idoneità per donare sangue aspetto quei risultati che includeranno sicuramente test hiv?grazie mille e scusi il mio essere prolissa

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Per stare serena può fare il test quanto prima e togliersi ogni dubbio. Ne parli con il Suo medico sulla possibilità di aggiungere il test HIV ai normali esami di routine che Le ha già consigliato. Il Suo medico Le spiegherà che si tratta di un test ormai diventato molto frequente e tutte le modalità per eseguirlo in completo anonimato e nel pieno rispetto della privacy. E' anche possibile rivolgersi alla divisione di malattie infettive o al centro trasfusionale dell'ospedale della propria città, tramite numero verde.
Cordiali saluti e in bocca al lupo!