Utente 279XXX
Salve,
avrei due domande:
Io sono una persona tendenzialmente allergica, sono allergica al gatto, al cane, a moltissime sostanze chimiche nei cosmetici (conservanti ecc) tanto da dover usare solo ed esclusivamente prodotti naturali, all'acido acetilsalicilico ecc..
Quando faccio gli esami del sangue ho sempre le IgE alte (mediamente intorno ai 200, altre volte anche intorno ai 400, quando il max è 100).
Intanto volevo sapere se è vero che avere le IgE alte a lungo può portare a sviluppare una malattia autoimmune, è una cosa che mi è stata detta da un'amica erborista e che mi ha un po' spaventato...
E poi volevo sapere se esiste un effettivo buon metodo di ricerca delle allergie alimentari perchè soffro di reflusso gastrico e di altri problemi digestivi e sono abbastanza convinta che alla base ci possa essere qualche allergia...
Solo che degli esami del sangue e del prick test non mi fido troppo: li ho fatti mille volte negli anni e con gli esami del sangue risulto ogni anno allergica (sempre di poco) a qualche alimento diverso che poi, l'anno dopo, pur continuando a mangiarlo, non risulta più positivo mentre ne risultano positivi altri che prima non risultavano positivi e così via, mentre nel prick test risulto sempre non allergica a tutti gli alimenti...
E sopratutto vorrei sapere se esiste un qualche test di allergia comprovato che consideri anche conservanti alimentari, coloranti ecc perchè visto che sono allergica a quelli dei cosmetici temo di poter essere allergica anche a quelli alimentari...
Spero di essermi spiegata...
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
con tutto il rispetto, ognuno faccia il suo mestiere.
L'aumento delle IgE totali (peraltro, nel Suo caso, modesto) non solo non porta a sviluppare una malattia autoimmune, ma in questo senso non rappresenta neanche un fattore di rischio.
Per quanto riguarda gli alimenti, il fatto che i test cutanei non Le "diano soddisfazione" non significa che la diagnostica delle allergie alimentari non sia sufficientemente sensibile; tutt'altro. Se vuole togliersi il dubbio sarà sufficiente rivolgersi a uno specialista in grado di condurre una buona anamnesi allergologica, di richiedere i test effettivamente utili e di saperne interpretare il risultato.
Cordialmente,