Utente 252XXX
Buongiorno, ho una bambina di quasi quattro anni. A dicembre, a seguito di una febbre alta ha manifestato una forma di orticaria acuta che è stata trattata con cortisone, le bolle sono rientrate e la febbre è scomparsa, ma dopo qualche giorno dalla sospensione della terapia ha avuto un esantema scarlattiforme, curato con antibiotico. La bambina è poi stata bene per una ventina di giorni e ad inizio gennaio, dopo un episodio febbrile (38°C) ha avuto una nuova eruzione cutanea che il pediatra ha classificato come varicella molto lieve (dubbia). Ad oggi quelle papule che dovevano essere varicella continuano ad uscire sui polsi e sui piedi.causando molto prurito. Ha fatto anche un prick test, che è risultato negativo. L'allergologa ha detto che si tratta di un caso anomalo. Cosa ne pensano? Che tipo di ulteriori esami posso farle fare? Ringrazio per il gentile riscontro e saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
perdoni il ritardo con cui Le scriviamo.
Se l'ultima eruzione fosse effettivamente varicella, o comunque di origine virale, non ci sarebbe bisogno di approfondimenti allergologici e la negatività del prick test non rappresenterebbe un'anomalia.
Direi che la cosa da fare in questi casi è prima di tutto chiarire di che tipo di lesione si tratti, eventualmente ricorrendo a un consulto dermatologico. Da lì poi il giudizio sull'opportunità di eventuali ulteriori approfondimenti.
Saluti,