Utente 182XXX
Gentili dottori spero possiate aiutarmi, mio marito sin da piccolo soggetto allergico, da l'anno scorso nel periodo primaveriale dopo ripetute bronchiti febbre e diversi antibiotici, che purtroppo non lo guarivano, si è rivolto ad un pneumologo che dopo svariati esami (radiografia,prik test,spirometria ecc..) e arrivato alla diagnosi di asma bronchiale allergica, sinusite mascellare bilaterale,ernia iatale con reflusso gastroesofageo, esito prikk test forte allergia a cipresso,alternaria,parietaria,erba canina.nel mese di luglio ha iniziato la cura(che fa giornalmente)con singulair compresse,formodual spray,nexium cpr 20mg(per la gastrite),(avamis spray a cicli di 15 giorni (al bisogno), cura che lo ha fatto stare bene fino a qualche qualche settimana fa', quando sono ritornati i sintomi di allergia come continui starnuti muco al naso bruciore agli occhi con congiuntivite, a provato ad alleviare i sintomi con avamis spray ma non serve a nulla, i sintomi stanno cominciando a peggiorare.La nostra paura e di ritornare al calvario dell'anno scorso, cosa mi consigliate di fare per evitare che l'arrivo di questa primavera si trasformi in un incubo!!!!per piacere aiutateci.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
non vedo perché non ci si possa attendere una copertura migliore rivedendo un poco la strategia terapeutica.
Mi pare logico consigliarvi di tornare a controllo dal collega che l'anno scorso è riuscito brillantemente a risolvere il problema.
Saluti,