Utente 289XXX
Ci risiamo, stesso periodo stessi sintomi...mio marito per il terzo anno in questo periodo accusa nuovamente dolore ai testicoli,bruciore, deficit erettile e dopo i rapporti sessuali gonfiore, piccoli tagli sul prepuzio e difficoltà a scoprire il glande. Un anno fa dopo una pastiglia di diflucan 150 i sintomi erano regrediti sino a sparire tranne il dolore ai testicoli che ogni tanto leggermente ricompariva. Inoltre da mesi dopo aver urinato ha un lieve sgocciolamento. Dieci giorni fa ha eseguito urinocoltura e spermiocoltura entrambe negative.Adesso ennesima visita da un nuovo urologo il quale ha riscontarto la prostata nella norma e ha prescritto le seguanti analisi: tampone uretrale con ricerca clamidia, triconomas e micolplasmi e anailisi per fsh,lh,prolattina,tsh,testosterone e psa inoltre ecografia testicoli. Ore mi chiedo possibile che abbia una mts i cui sintomi si ripresentino puntuali ogni anno? Potrebbe invece essere di nuovo candida anche se le analisi non l'hanno rilevata? Sarebbe opportuno provare col diflucan prima di procedere con tutti questi esami? Nel caso potrebbe alterare l'esito degli esami? Premetto che io non ho mai avuto sintomi e che l anno scorso feci tutti gli accertamenti sul tampone vaginale con esito negativo. Inoltre stavolta prima ancora della comparsa dei sintomi abbiamo sempre avuto rapporti protetti perchè io ho interrotto la pillola. Cosa ci consigliate? La cosa strana è la ricomparsa sempre nello stesso periodo dell'anno...
Tralaltro l'andrologo ci ha consigliato il cialis 5mg, ma mio marito non ha alcuna intenzione di prenderlo considerato anche il costo elevato...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
dura dire che cosa ha: personalmente consiglierei un test di stamey (esame su tre campiuoni, prima e dopo massaggio prostatico), ed una valutazione del tratto urinario (ecografia, uroflussometria) a vedere che non esista una alterazione che mantenga in essere queste recidive.