Utente 275XXX
Buongiorno, cercherò di essere breve. Il problema a cui chiedo delucidazioni ha avuto inizio circa 4 anni fa e successivamente a volte si ripresenta.
Nel 2010 durante un rapporto sessuale al raggiungimento dell'orgasmo nel momento dell eiaculazione lo sperma non è uscito e ho avuto molto male, dopo pochi secondi lo sperma è uscito senza pressione con un forte dolore. Urinando in bagno alla fine è uscito sangue.Dopo alcuni giorni mi si è presentato il problema del dolore al testicolo sx. Ho fatto varie visite e esami, ecografie testicolari, trans-rettali ed ecocolordoppler, dagli esami non emerge varicocele, ma una leggera prostatite con microcalcificazioni. Ho fatto svariate spermocolture e tutte le volte germi diversi( enterococcus feacalis e altri germi )
con svariate cure antibiotiche e antinffiamatorie è passato. Il problema mi si ripresenta di tanto in tanto con dolori/fastidi lievi.

Quello che volevo sapere , nel limite del possibile per via telematica, ma basandosi sulla mia storia, cosa è successo nel 2010 durante quel rapporto sessuale? non mi era mai successa una cosa simile e non mi è mai più capitato fino a oggi.....Quell'episodio secondo me è stata la causa scatenante di tutto ciò che ancora oggi mi porto appresso. Capisco perfettamente che possano solo essere ipotesi le Vostre e non una diagnosi valevoli ai fini di cura o prevenzione.

Le cause dell'evento che mi sono dato per me stesso sono: tipo un calcolo nel condotto che ha bloccato lo sperma nell'uscita oppure una torsione/chiusura/restringimento temporaneo del condotto spermatico oppure boh magari una posizione errata durante la penetrazione, magari sforzando il pene troppo verso il basso......Attendo delle vostre idee sicuramente molto valide e più tecniche delle mie valutazioni.

Al pronto soccorso alla valutazione dell'evento sono stato molto deluso, mi hanno guardato in 2 minuti dicendomi varicocele 1 grado, ernia bilaterale inguinale e testicolo sx in ascensore. Mi ha prescritto spermiogramma e poi voleva già fissare la data per l'intervento per fermare il testicolo. Lo spermiogramma non l ho mai fatto per il semplice motivo che dopo le svariate eco ed ecodoppler vedendo che non c'era varicocele e ernia non ho dato importanza alla valutazione del vostro collega. Ma un varicocele di 1 grado si può diagnosticare solamente al tatto?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le ipotesi circa quel sangue dopo eiaculazione sono entrambe possibili. Personalmente le consiglierei anche eco addome, che alcuni calcoli danno dolore al testicolo. Molto probabile che il dolore testicolare popssa dipendere da infiammazione alla prostata,
Il varicocele viene distinto in tre gradi alla palpazione ed in cinque all' ecodoppler. Non è detto che un varicocele di I grado alla palpazione sia anche visibile all' ecodoppler: in quel caso le vene sono solo dilatate non patologiche, ma male di sicuro non ne fa.
[#2] dopo  
Utente 275XXX

Iscritto dal 2012
Anche eco addome avevo eseguito ai tempi, tutto regolare. nei reni non c era niente di rilievo. La prostata durante una visita, leggendo dal referto, risultava ingrossata......come posso fare a far si che la prostata non si infiammi? non faccio una vita per niente sedentaria, ho un lavoro movimentato, sali e scendi dal camion tutto il giorno in brevissimi tratti, circa ogni 50 mt, faccio palestra, non bevo alcolici, non fumo, ma adoro andare in moto.....Farò tesoro dei suoi consigli. grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
una palpazione della prostat, se guida molto., è di rigore. Per evitare infiammazioni thè verde.