Utente 322XXX
Buonasera, vorrei un consulto da parte di voi specialisti:
Maschio, 42 anni con ipertensione arteriosa, trattata con Amlodipina 5mg e Ramipril 2,5mg, un'ernia iatale sotto controllo ed oggi ho avuto i risultati dei miei ultimi esami del sangue di cui, di seguito, ne indico i valori:
- Colesterolo totale 204 (fino a 200)
- Colesterolo HDL 37
- Rischio aterogenetico 5,51 (fino a 5)
- Omocisteina 7,3 micromoli/l
- Tempo di Protrombina (PT) 12,1 secondi
- Attivit. Protrombinica 101,80%
- Protrombina ratio (PR) 1,00
- Interantional ratio (INR) 1,00
- Tromboplastina parziale (APTT) 30,8 secondi

Ovviamente non ne capisco molto, ma so per certo che un HDL basso non è un buon segnale. Vorrei cortesemente capire se questo valore, unito agli altri, possano essere un serio "campanello d'allarme" e se e come poter intervenire.
Grazie anticipatamente per la collaborazione che sono sicuro mi accorderete.
Cordialmente.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Cariello
24% attività
0% attualità
16% socialità
BELVEDERE MARITTIMO (CS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
I valori di HDL sono effettivamente bassi, tuttavia è necessario conoscere anche i valori del colesterolo LDL. Sulla base dei dati che Ha fornito possiamo solo calcolarci il colesterolo non HDL (valore di 167). I valori di colesterolo totale non sono tali da far pensare ad una ipercolesterolemia familiare. Al momento consiglio dieta a ridotto contenuto di colesterolo ed attività fisica regolare (sovrappeso) 30 minuti al giorno (se non possibile almeno 4 volte la settimana) ed un controllo semestrale dei valori di colesterolo in particolare LDL ed HDL. Consiglio anche una valutazione dell'assetto glucidico anche una semplice glicemia a digiuno (considerando il sovrappeso).