Utente 322XXX
Buonasera, vorrei un consulto da parte di voi specialisti:
Maschio, 42 anni con ipertensione arteriosa, trattata con Amlodipina 5mg e Ramipril 2,5mg, un'ernia iatale sotto controllo ed oggi ho avuto i risultati dei miei ultimi esami del sangue di cui, di seguito, ne indico i valori:
- Colesterolo totale 204 (fino a 200)
- Colesterolo HDL 37
- Rischio aterogenetico 5,51 (fino a 5)
- Omocisteina 7,3 micromoli/l
- Tempo di Protrombina (PT) 12,1 secondi
- Attivit. Protrombinica 101,80%
- Protrombina ratio (PR) 1,00
- Interantional ratio (INR) 1,00
- Tromboplastina parziale (APTT) 30,8 secondi

Ovviamente non ne capisco molto, ma so per certo che un HDL basso non è un buon segnale. Vorrei cortesemente capire se questo valore, unito agli altri, possano essere un serio "campanello d'allarme" e se e come poter intervenire.
Grazie anticipatamente per la collaborazione che sono sicuro mi accorderete.
Cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Cariello
24% attività
0% attualità
16% socialità
BELVEDERE MARITTIMO (CS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
I valori di HDL sono effettivamente bassi, tuttavia è necessario conoscere anche i valori del colesterolo LDL. Sulla base dei dati che Ha fornito possiamo solo calcolarci il colesterolo non HDL (valore di 167). I valori di colesterolo totale non sono tali da far pensare ad una ipercolesterolemia familiare. Al momento consiglio dieta a ridotto contenuto di colesterolo ed attività fisica regolare (sovrappeso) 30 minuti al giorno (se non possibile almeno 4 volte la settimana) ed un controllo semestrale dei valori di colesterolo in particolare LDL ed HDL. Consiglio anche una valutazione dell'assetto glucidico anche una semplice glicemia a digiuno (considerando il sovrappeso).