Utente 125XXX
A seguito di frequenti extrasistoli ventricolari che avverto da anni oramai, ho effettuato per controllo un ecocardiogramma di cui riporto i risultati:
Aorta 33 mm;
Atrio sinistro 38 mm;
VS diam.telediastolico 47 mm;
VS diam. sistolico 29 mm;
F.E. 65%;
spessore setto 11mm;
spessore parete posteriore 11mm;
doppler fase diastolica:rapporto E/A > 1;
Prolasso del LMA con lieve rigurgito valvolare. Alla luce degli esiti di cui sopra, il cuore può ritenersi sano? Ed inoltre essendo emerso dall'elettrocardiogramma il tratto Q-Tc allungato e lieve ritardo di attivazione ventricolare dx e turbe aspecifiche della ripolarizzazione ventricolare il cuore è da ritenersi in salute? L'unico fastidio che avverto sono le innumerevoli extrasistoli durante la giornata. Nel 2010 ho anche effettuato uno studio elettrofisiologico endocavitario il quale non ha riscontrato alcuna anomalia. Essendo sportivo noto che queste extrasistole scompaiono solo se mi alleno intensamente per poi comparire nei periodi in cui abbandono completamente l'attività sportiva. Esiste una soluzione reale per eliminare queste extrasistole che non siano betabloccanti? Non fumo e non bevo e non mi spiego come è possibile che ho tutte queste extrasistole ventricolari se il cuore strutturalmente sembra sano e sono stato uno sportivo fin da piccolo.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Concordo con quanto scritto dal colleg nella sezione Cardiologica.

GI