Utente 292XXX
Salve,
sono un uomo adulto in condizione di anorchia per cause oncologiche. Desidero rivolgervi due domande:
1) Rispetto ad un coetaneo maschio, dotato di gonadi sane e normali, qual è la reale efficacia del testosterone utilizzato nella terapia sostitutiva, per avere una libido normale?
2) Quali sono gli svantaggi, i vantaggi, e gli eventuali rischi di una terapia con Nebid rispetto a qualla con Tostrex?
Manifesto un desiderio sessuale scarso. Le erezioni spontanee sono praticamente assenti. Inoltre la sensazione di piacere, durante l''autoerotismo è minima. Gradirei vostri cordiali consigli.
Vi ringrazio in anticipo e vi invio rispettosi saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
non c' è un farmaco migliore dell' altro. C' è chi è più responsivo ad uno rispetto ad un altro. Si tratta di trovare un bravo collega che pazientemente la segua coi dosaggi ormonali e il variare della sintomatologia in relazione ai picchi ematici, tenendo presente che i testosteroni spalmabili poco funzionano, che quellli iniettivi hanno maggiori effetti collaterali (ginecomasia, ritenzione idrica) .