Utente 340XXX
Nel 2008 intervento di aponevrectomia mano sx, nel 2009 mano dx entrambi dito 4 e grado IV. Attualmente recidiva in entrambe le mani. Mano sx dito 5 grado IV, mano dx dita 1, 2 e 3 con importanti noduli grado II÷III.
È possibile un intervento con cura locale all'ago?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certamente, anzi, potrebbe essere un'ottima indicazione all'intervento con ago, che personalmente sconsiglio in prima battuta (tranne nelle gravi flessioni inveterate, soprattutto come primo tempo chirurgico, non come intervento definitivo).

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Gent.mo dr. LECCESE
la ringrazio per il suo tempestivo consulto online.

Dopo gli interventi di 6 e 5 anni fa, vedendo il veloce sviluppo degli effetti della malattia e ritrovandomi ora in una situazione ben più grave di allora (con la mano sx spesso dolorante e molto limitata nell'uso quotidiano e con la conseguente progressiva mancanza di manualità nei miei numerosi hobbies) volevo prendere in considerazione la cura locale all’ago perché meno invasiva e meno traumatica dell’ intervento chirurgico, visto purtroppo che, nel mio caso, le recidive sono state possibili anche dopo l' aponevrectomia.
Le auguro Buon Lavoro

Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Come le dicevo, in un caso come il suo, sarebbe addirittura preferibile un intervento poco invasivo (anche se non risolutivo, in quanto lascia in situ tutto il tessuto patologico), perchè si tratta di una mano già "traumatizzata" da ben due interventi consecutivi.

I problemi conseguenti a un eventuale terzo intervento "a cielo aperto", potrebbero infatti essere di natura vascolare (la vascolarizzazione è probabilmente già precaria), oltre a un maggiore rischio di "Sindrome Algo-Distrofica".