Utente 340XXX
Gentile Dottore, sono una ragazza di 33 anni e da un anno circa, con mio marito stiamo cercando invano una gravidanza. Mio marito ha 35 anni ed ha effettuato un mesetto fa uno spermiogramma. Al laboratorio analisi mi hanno detto che è tutto ok (rientra nei valori di riferimento sec. WHO 2010) ma visionando il referto, mi sono accorta che le forme tipiche sono solo il 9%. Fermo restando la mia normale situazione ginecologica, vorrei avere un suo parere sulle analisi svolte:
ASPETTO: opaco,
COLORE: bianco,
VOLUME: 2,7/ml,
VISCOSITA': nella norma,
LIQUEFAZIONE: regolare,
LEUCOCITI: 1.500.000/ml, (val.riferimento: <1.000.000)
CELL.IMMATURE: 3%,
PH: 8,5, (val.rif. =>7.2)
SPERMATOZOI/ml: 34.000.000, SPERMATOZ./eiacul.: 91.800.000,
MOTILITA' DOPO 60':
motilità progressiva 35%, motilità totale 60%, immobili 40%,
MOTILITA' DOPO 120':
motilità progressiva 30%, motilità totale 50%, immobili 50%,
TEST DI VITALITA' esclusione dell'eosina 81%,
MORFOLOGIA:
forme tipiche: 9%
forme atipiche: 91%.
Al momento mio marito è fuori per lavoro, e fermo restando una visita specialistica che farà al suo rientro, vorrei nell'attesa sapere, per una mia tranquillità personale, se con questi valori è possibile una gravidanza, considerando la bassa percentuale di forme tipiche (9%) ed il valore dei leucociti leggermente superiore alla normalità. (in riferimento a questo, volevo chiederLe se può incidere sui leucociti il fatto che mio marito sia portatore sano di anemia mediterranea)
Nell'attesa di una Sua risposta, La ringrazio e Le porgo gentili saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,l'anemia mediterranea,in questo caso,non incide sui valori dello spermiogramma.Le forme tipiche rientrano nel range della normalità (> 4%).
L'esame seminale non può permettere una diagnosi,così come una prognosi,e va visto in funzione del tempo da cui cercate un figlio,della età della partner,della diagnosi ginecologica e,soprattutto,della diagnosi andrologica.Comunque,l'esame é potenzialmente fertile ma nessuno su questa terra potrà mai dire se e quando si otterrà una gravidanza...Ci aggiorni,se ritiene,dopo la diagnosi andrologica.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille Dottore per la celere risposta.
Quello che mi preoccupava maggiormente era, oltre la bassa percentuale (anche se rientrante nel range di normalità) delle forme tipiche, anche il valore leggermente superiore dei leucociti.
"Questi ultimi possono essere indice di un'infiammazione o infezione, ma nulla di preoccupante", mi hanno detto al laboratorio analisi, ma secondo Lei possono influenzare la fertilità? Grazie ancora per l'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
…il numero dei leucociti non necessariamente esprime uno stato flogistico che,in prima istanza,va diagnosticato con un'esame obiettivo,anamnestico e colturale dello sperma.Cordialità.