Utente 158XXX
Salve dottori, un paio d'ore fa ho avuto un improvviso calo dell'udito dall'orecchio destro accompagnato da un fischio. Il fischio è andato scemando, sebbene si sia ripresentato un altro paio di volte per brevi istanti, ma la sensazione di percezione uditiva "ovattata", come se avessi un cuscino davanti l'orecchio, credo persista tuttora, non fosse che ho avuto l'idea di mettere un tappo nell'orecchio colpito nella speranza o che passi tutto o che una volta tolto questo tappo sia meno accusabile la differenza di percezione tra un orecchio e l'altro.
Ora, a parte la scontata domanda del cosa possa essere, il che verrà comunque analizzato di persona da uno specialista, qualora la cosa non mi passi entro domani, mi chiedevo: per il momento, è meglio tenere tappato l'orecchio sano, inducendo quello vittima del calo a lavorare, o, viceversa, tappare l'orecchio colpito nella speranza che una volta tolto il tappo si abbia quantomeno la sensazione che l'udito sia tornato ai livelli dell'altro orecchio? O è addirittura ininfluente? Molte grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Non può costringere a lavorare un orecchio...detto questo deve urgentemente sottoporsi a visita ed esami strumentali per scongiurare il rischio di una "ipoacusia improvvisa", evento che richiede una diagnosi e terapia tempestive.

Ci aggiorni
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per l'intervento, Dr. Marcelli. Poco fa ho accompagnato mia madre dal medico di famiglia e ne ho approfittato per esporgli questo mio problema, il quale durante la mattinata è andato attenunandosi e che al momento mi ha lasciato soltanto una sorta di fischio perpetuo, maggiormente percepibile in luoghi più silenziosi e/o tappando l'orecchio col dito. Il medico, dopo avere osservato con l'apposito strumento il condotto dell'orecchio, ha imputato il tutto al catarro, sostenendo che il fischio sia dovuto semplicemente al fatto che questo abbia toccato anche il timpano. Mi ha consigliato di fare dei risciacqui nasali con acqua e sale.
La diagnosi del mio medico mi è sembrata un po' frettolosa, pertanto mi stavo chiedendo se sia sufficiente ispezionare l'orecchio in quel modo per scongiurare una ben più "pericolosa" ipoacusia? L'improvvisa e inaspettata insorgenza dei sintomi mi aveva subito fatto pensare a qualcosa di più preoccupante che un po' di catarro. Posso stare tranquillo e tentare la via dei risciacqui?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Da quello che racconta è indispensabile sottoporsi a visita ed esami strumentali. Non ha alternativa. Magari alla fine è solo catarro ma se non lo fosse deve sapere che sta perdendo tempo prezioso.
Saluti.