Utente 340XXX
Buongiorno,
Vorrei avere qualche delucidazione in merito alla cura con antiestrogeni per azoospermia non ostruttiva, qual'è il rapporto testosterone/estrogeni per il quale la cura possa dare esiti positivi. Inoltre vorrei sapere se è vero che basterebbe esaminare i volori ormonali presenti nello sperma per dignosticare NOA o OA? Attualmente sono in corso studi sperimentali in merito alla cura di questa malattia?

Grazie e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' antisterogeno funziona spesso (mai sempre) in caso di ineversione di rapporto fra testosterone libero e 17-beta-2-estradiolo nelle azoospermie non ostruttive (NOA) in assenza di microdelezione del cromosoma Y, indipendentemente (e qui sta il bello) da altra patologia associata. Il rapporto è inferiore 10, ma serve un medico essendo che devve essere espresso in maniera concorde: moli/moli, grammi/grammi. Di studi se ne fan sempre.
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Speravo proprio in una sua risposta, grazie. Secondo il suo parere con l'estradiolo a 68 pg/ml e il testosterone a 5, 68 ng/ml potrebbe essere utile assumere antiestrogeni? Il fatto che io sia sottopeso rispetto al sovrappeso a cui spesso è associato un livello elevato di estrogeni può incidere negativamente?
E quanto in tutto questo conta il livello di fsh? Cosa intende per altra patologia associata? Si riferisce sempre a patologie andrologiche?

Grazie
Buon lavoro
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mi riferisco sempre a patologie andrologiche. La risposta al quesito visti esami è ni: meglio Testosterone basso che estradiolo alto: probabile svarione di laboratorio. Ripeta unitamente a LH e FSH che bisogna conoscere anche status ipofisi. E poi visti i non pochi effetti collaterali si faccia seguire dal vivo e non di qua.