Utente 340XXX
Buongiorno, ho 30 anni...sposato, ingegnere, sport a periodi, non fumatore, niente alcool.
Brevemente vorrei chiedervi un consulto sulla mia situazione.
Premetto che quasi tre anni fa a seguito di alterazioni della ripolarizzazione in sede laterale il cardiologo mi fece fare ecocolordopler e ecg sotto sforzo tutto con esito positivo, nulla di rilevante. Addirittura le alterazioni sparivano sottosforzo. Mi dissero che erano alterazioni aspecifiche.
Sono molto ansioso, da qualche mese (novembre) seguito da uno psichiatra che attraverso la psicoterapia mi sta aiutando parecchio. Niente terapia farmacologica perchè pensa sia un''ansia lieve" a parte qualche goccia di xanax di tanto in tanto per dosi minimissime. Ho fatto anche i controlli alla tiroide (due anni fa) ma tutto ok. Mi viene detto sempre e solo ANSIA
Il problema è che la mia ipocondria mi porta a focalizzare l''attenzione sul cuore che da sempre è il mio organo bersaglio.
Da due-tre mesi avverto dei battiti irregolari, sento un vuoto allo stomaco e parallelamente seguendo le pulsazioni nel collo sento un battito anticipato e dopo una pausa, qualche volta sento 5 regolari e uno anticipato...credoi siano extrasistoli. Questi quasi non gli avverto se sono impegnato e sovrapensiero.
Ne ho parlato con la dottoressa e mi dice che nell''ansia è molto comune, e che non sono pericolose...ma per me è spesso difficile fare l''indifferente davanti a questi fastidi.
Quello che vorrei chiedere è se dagli ultimi controlli tre anni fa potrebbe essere mutato lo scenario con qualcosa di grave. Nel senso, da un eco perfetto, dopo tre anni si potrebbero creare patologie tipo cardiopatie?
E'' verosimile che le extrasistoli siano legate all''ansia?
La dottoressa mi ha detto che spesso lei in questi casi prescrive 1/4 di inderal 40mg per un mesetto per aiutare la persona a non avvertire tali problemi al ritmo.
Però vedevo in internet che può portare impotenza....ma anche a dosaggi bassissimi?
Infine...secondo voi dalle notizie date potrei avere qualcosa di grave?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lei non ha nulla di grave e il suo vero problema continua ad essere l'ansia....Sull'uso dell'Inderal per le extrasistoli posso dirle che frequentemente non ha alcun effetto antiaritmico e spesso determina la comparsa di effetti indesiderati anche peggiori rispetto alle extrasistoli.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dr. Rillo per la sua risposta.
Riconosco che l'ansia mi limita (infatti ho deciso di farmi aiutare), ma spesso quando sento il cuore che va veloce o ancora peggio con extrasistoli mi spaventa.

Da qualche giorno, essendo più sereno non percepisco nulla e ciò mi fa capire che forse forse è solo ansia.

Ma le faccio solo questa domanda, poi cercherò di tranquillizzarmi....ma a livello del cuore, dando per buono che sia ansia, dopo tre anni dai controlli che andavano benissimo, potrei pensare a qualche strana patologia veramente grave?

Vagando per internet mi pongo mille paure...come quella per le cardiomiopatie....IPOCONDRIACO lo so, ma un suo parere a riguardo sarebbe importante.

saluti e ancora grazie
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
No, non deve pensare ad alcuna patologia cardiaca.....
[#4] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Non ci devo pensare perchè sarebbe improbabile? Quindi sarebbe anche poco probabile che dopo tre anni ci siano grossi cambiamenti?

Saluti
[#5] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
e soprattutto non mi consiglia nessun controllo?
[#6] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Controlli troppo ravvicinati non farebbero altro che alimentare il suo stato ansioso senza che probabilmente possano essersi verificati cambianti sostanziali. I controlli vanno fatti, ma non in maniera eccessivamente frequente, a meno che non ce ne sia bisogno e non è questo il suo caso.
Saluti
[#7] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la disponibilità,
forse ogni 5 anni un ecocardiogramma andrebbe bene.
Cerco di riprendere in mano le mie giornate...magari rimettendomi a fare sport che da anni faccio solo in maniera altalenante.

Un saluto e un grazie.