Utente 330XXX
Buongiorno,

ho 37 anni e a seguito rilievo di pressione alta sotto sforzo e lieve ipertrofia del ventricolo sx mi sono rivolto ad un cardiologo che mi ha diagnosticato una iniziale e lieve cardiopatia ipertensiva su base adrenergica consigliandomi l'utilizzo di ALONEB 1/2 tutte le mattine. In effetti sono molto ansioso e la mia pressione varia molto se misurata dal medico e a casa. Vorrei sapere, tenuto conto che ho avuto episodi d'asma e , essendo uno sportivo, i miei battiti a riposo sono intorno ai 50 bpm, fosse possibile prendere il betabloccante solo al bisogno e se non fosse piu' indicato l'INDERAL visto che il problema e' dovuto all'ansia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta il nebivololo (ALONEB) nel suo caso appare piu' indicato, dal momento che ha meno azione sui recettori beta dei suoi bronchi.
La terapia della cardiopatia ipertensiva deve essere quotidiana e quindi non ha alcun senso assumerla "al bisogno".
Data la sua bradicardia di base avrei scelto un altro farmaco (Ace inibitore o Calcio antagonista9, ma se il suo CArdiologo ha scelto quel farmaco sicuramente avra' avuto le sue buone ragioni
Arrivederci