Utente 155XXX
Buonasera, Ho 23 anni...
Tempo fà il mio Andrologo mi disse di assumere venlafaxina 37,5mg cp occasionalmente 4/5 ore prima di un rapporto sessuale, allo scopo di prolungare la tempistica del rapporto; perchè uno degli effetti collaterali di questo antidepressivo è il ritardo dell'eiaculazione.
Secondo voi, parere Medico vostro, è consigliabile assumerlo per questo tipo di situazione? O è dannoso con il tempo? (non soffro ne di depressione, ne di ansia, l'unico scopo x cui l'assumo è per ritardare l'eiaculazione).

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il farmaco da lei indicato fa parte di una famiglia di prodotti che sono capaci di inibire la ricaptazione della serotonina e della noradrenalina.

In alcuni casi questa classe di farmaci in passato ed anche nel presente è stata utilizzata per il problema sessuale da lei lamentato, la cosa un pò strana è la modalità di assunzione consigliata, cioè al momento; chieda ulteriori delucidazioni al suo andrologo.

nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-pianeta-eiaculazione-precoce.html

e questo link:

http://www.nostalgia.it/piemonte/articolo/lstp/10401/

Un cordiale saluto.



[#2] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dottore per la gentile risposta.

Capisco che le appare strana la modalità di assunzione, però vorrei sapere se questo farmaco assunto in questa maniera (cioè occasionalmente) può avere delle conseguenze negative sul mio organismo. E poi, mi può cortesemente chiarire il fatto dell'inibizione della serotonina e noradrenalina, cioè se il farmaco inibisce questi due ormoni che succede?

Grazie
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

vedo che alcuni colleghi indicano questa modalità che per la maggior parte dei farmaci inibitori della ricaptazione della serotonina non ha una precisa indicazione e quindi la rimando per ulteriori delucidazioni cliniche, pratiche al suo andrologo di riferimento.

Sul meccanismo d'azione di questi farmaci invece la rimando agli articoli già indicati:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194/quando-il-rapporto-fi ,

http://www.medicitalia.it/minforma/Andrologia/1253/News-dal-pianeta-eia

Un cordiale saluto.