Utente 165XXX
Egregi Dottori,
alcuni anni fa ebbi una reazione allergica ad un antibiotico appartenente alla classe delle penicilline, il cui nome ora non ricordo, ma i cui principi attivi ricordo essere l'Amoxicillina e l'acido clavulanico; alcuni giorni dopo aver cominciato ad assumerlo mi spuntarono su alcune parti del corpo macchioline rosa e mi si gonfiò la zona sotto gli occhi, cosa che curai col cortisone.
Da allora ovviamente non assumo più antibiotici appartenenti a questa categoria, ma i Macrolidi, in particolar modo la Claritromicina. Qualche tempo fa però il medico di base mi prescrisse un antibiotico appartenente alle Cefalosporine (il nome non lo ricordo) ma non lo assunsi più in quanto lessi, sul foglietto illustrativo, che chi aveva avuto una reazione allergica alle penicilline rischiava di averne un'altra assumendo le Cefalosporine, in quanto sussisteva un' "allergenicità crociata parziale" mi sembra di ricordare, poiché sono entrambi betalattamici. La mia domanda è, in quanto gli antibiotici sono farmaci che possono sempre servire, potrei tranquillamente assumere un antibiotico appartenente a questa classe nonostante la mia passata reazione allergica alla Penicillina, oppure devo assolutamente evitarli?

Sperando in una risposta Vi invio nel frattempo i miei più cordiali saluti, buona serata e buon lavoro!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
nel caso in cui si sospetti una reazione avversa ad una penicillina, si estende il "divieto" alle cefalosporine proprio perché esistono similitudini - se non identità - in una parte della struttura chimica dei farmaci betalattamici.
Ad ogni modo è sempre utile la valutazione di un allergologo esperto in reazioni a farmaci e l'esecuzione di test specifici, con lo scopo di
1. chiarire se effettivamente si è allergici o meno;
2. dimostrare quando possibile - nel caso in cui si sia effettivamente allergici a un betalattamico - che se ne può tollerare (dal punto di vista immunologico) un altro.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Grazie della Sua risposta Dottor Marchi, valuterò con un allergologo, Le auguro buon pomeriggio e buon lavoro, cordiali saluti.