Utente 341XXX
Buongiorno, dovrei fare l'intervento di espansione del palato chirurgicamente assistita per un morso crociato superiore (solo metà arcata), canino incluso perciò metterlo in trazione, estrazione degli ottavi inferiori e estrazione canino latte e ho agenesia del laterale.
Sono un po terrorizzata, ho 26 anni, ho paura che ci vogliano anni perchè il canino scenda (anche perchè non so la posizione giusta del dente so solo che in panoramica è verticale ma non dove è d preciso, si può vedere con una tac?), può essere che sia anchilosato? se non è mai nato ci sarà un motivo? in caso sia anchilosato che cosa si fa?
con l'apertura della sutura palatina e poi il disgiuntore è possibile fare lo spazio sia per il canino che deve scendere ma anche per mettere un laterale finto a fine terapia?
quanto prima dell'intervento di deve cementare l'espansore nei molari? inoltre questa pratica con l'abrasione dello smalto per poterlo inserire non causa problemi di carie o comunque non rovina i 4 denti interessati?! inoltre si può masticare il cibo con questo strumento?
sono terrorizzata, vale la pena fare tutto questo? non si potrebbe mettere un dente finto anzichè due e stop senza risolvere il morso crociato? temo che ci vorranno anni, e ho paura di soffrire e fare dei sacrifici senza poi vedere risultati... qualcuno potrebbe rispondere ai miei dubbi?? grazieee :'(

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
È opportuno che tutte queste domande vengano esposte chiaramente e dettagliatamente al chirurgo che effettuerà l'intervento ed all'ortodontista che la seguirà durante il trattamento, infatti la cooperazione tra queste due figure professionali è fondamentale ai fini del conseguimento del successo terapeutico.

Non potendo conoscere nel dettaglio il suo caso posso dirle che in generale, quando questa collaborazione tra i medici è ben chiara, il suo caso rientra in un quadro di media difficoltà che non presenta particolari aspetti critici se trattato da operatori esperti.