Utente 212XXX
Salve.
Devo sottopormi ad un intervento di rinosettoplastica (principalmente per setto navale deviato ma sarà associata la parte estetica) in anestesia locale con sedazione vigile.
Una volta ho fatto un intervento (di altra natura) in sedazione profonda ed ho dormito tutto il tempo non accorgendomi quindi di nulla; in questo caso come sarà? Sarò cosciente di quanto accade pur (credo) non vedendo nulla? Essendo un soggetto molto emotivo, posso chiedere all'anestesista di aver un dosaggio che mi permetta di dormire per tutta la durata dell'intervento o non è possibile per eventuale pericolosità visto il punto in cui si opera? (non so, ad esempio per rischio di liquidi in gola).
Vi ringrazio anticipatamente per la disponibilità e l'attenzione.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buonasera, questo tipo di intervento spesso viene condotto in anestesia locale con una sedazione che permette al paziente di mantenere una condizione di comfort intraoperatorio, magari di sonno, ma senza alterare la normale attività riflessogena delle vie aeree. Il suo anestesista, che non so se ha già visto per la visita preoperatoria può, anzi deve, essere informato anche della sua particolare emotività per cui saprà ben regolarsi sul tipo e dosaggio di ansiolitici da somministrare affinché tutto si svolga nel modo più celere ottenendo la massima collaborazione da parte del paziente.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la celere ed esauriente risposta.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi, ma ho un'altra domanda: quindi con questo tipo di sedazione non ricorderò o mi accorgerò di nulla di quello che succede? Probabilmente mi preoccupo inutilmente, ma ho avuto una brutta esperienza per un'estrazione del dente del giudizio in cui ero talmente agitata che neanche l'anestesia riusciva a fare il suo effetto, il tutto non aiutato dalla pochissima pazienza del dottore che mi stava operando. Per questo, non so se sia possibile in questo tipo di intervento con mantenimento della respirazione spontanea, ma preferirei dormire dall'inizio alla fine: sarebbe possibile?
La ringrazio ancora per la Sua disponibilità.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Beh! è solo una sedazione, non una narcosi profonda. Non accorgersi di nulla è un po difficile. Però se lo stato ansioso è tale da non voler rischiare deve chiedere di essere addormentata in anestesia generale.
L'anestesia locale non riesce non perché qualcuno è troppo agitato ma perché l'anestetico locale non ha raggiunto correttamente il nervo da addormentare....
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio ancora!
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Continuo a salutarla per poi disturbarla ancora con altri quesiti...mi scusi ma poi riflettendoci vengono altri dubbi. Probabilmente il colloquio con l'anestesista ci sarà solo pochi giorni prima dell'intervento ma al momento ho bisogno di alcune informazioni per decidere in tranquillità la tecnica anestesiologica...
La domanda: posso proporre all'anestesista di avere una sedazione un pò più forte per permettermi di dormire o non lo consente il tipo di intervento? O le differenze sono altre? (esempio attrezzatura per la respirazione, non so...). Qual è la differenza tra la sedazione cosciente e quella profonda (a cui, come detto, sono già stata sottoposta) a parte il fatto che in quest'ultima si dorme profondamente? Ossia, si possono usare solo in casi specifici? Spero di essere stata chiara...
Ancora grazie ovviamente.
Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, lei può chiedere al collega di essere addormentata in anestesia generale se lo crede. Questo però sottintende una protezione delle vie aeree con tubo o con maschera laringea (il primo sarebbe meglio). Tenga presente che tanto più si approfondisce un paziente tanto più aumentano i rischi che i riflessi tussigeni siano inibiti e che quindi venga a mancare una protezione naturale delle vie aeree che è appunto la tosse. Questo, come già anticipato da lei, proprio per la possibilità che secrezioni, sangue ecc. non siano naturalmente espulsi ma possano essere inalati. Da ciò nasce l'esigenza di preservare le vie aeree con un presidio, oltre al fatto che maggiore è la sedazione maggiore è l' inibizione del respiro per cui si deve essere certi di ventilare poi adeguatamente un paziente.
Io penso che se l'abitudine del chirurgo sia quella di effettuarli in AL con sedazione cosciente (cioè lei è sveglia, tranquilla e non sente dolore per via dell'anestesia locale fatta dal chirurgo) la tecnica è più che sicura perchè ben rodata. Personalmente noi effettuiamo l'intervento di settoplastica in AG, quindi con paziente intubato e in ventilazione meccanica.
Spero di averle chiarito ogni dubbio, in caso contrario può tranquillamente riscrivere. Possiamo anche risentirci dopo la visita anestesiologica.
Cordialità.
[#8] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Sì, il dottore opera spesso con questa modalità ma ovviamente anche con l'anestesia generale e mi ha detto di aver operato molte persone emotive e paurose come me! Dopo il colloquio con l'anestesista, le farò sapere.
Una piccola curiosità...essendo svegli si vive il normale trascorrere del tempo, l'assistente del dottore mi ha detto che alcune persone operate hanno riferito di averla vissuta come in un minuto, altre come in un lunghissimo tempo...da cosa dipende la differente sensazione?
E' stato gentilissimo e disponibile, approfitto per complimentarmi per il sito che offre un servizio molto utile.
Cordiali saluti.
[#9] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Dipende dal fatto che quella sedazione cosciente fatta dall'Anestesista che accompagna l'anestesia locale utilizza farmaci che rilassano, creano benessere, fanno perdere la cognizione del tempo e danno una lieve amnesia nel ricordo successivo dell'intervento. Non tutti viviamo queste sensazioni allo stesso modo ecco perché il racconto può essere differente.
Piccole ....magie anestesiologiche...^__^
Buonanotte