Utente 725XXX
Salve,
mia figlia di 7 anni presenta una forma che si sta aggravando di vitiligine. Tutto è incominciato a luglio dell'anno scorso con delle macchie sulle gambe, ma a giugno di quest'anno la situazione si è aggravata notevolmente con l'estensione di macchie intorno agli occhi, sulle gambe, caviglie, braccia. Al momento mi è stata data la seguente terapia: ephynal 1 compressa/dì, benadon 1 compressa al dì, cromovit 2 compresse al dì, e pavavit crema.
Mi è stato anche detto che la vitiligine è poco studiata, che c'è chi dice che aumenta con il sole e quindi va fatta una protezione totale, c'è invece chi dice che il sole fa bene.
Ho letto anche della possibilità di fare una terapia di "minigrafting" in anestesia locale.
Vi prego di aiutarmi, perchè per una bambina un problema del genere può essere grave, per il fatto che potrebbe sentirsi esclusa o diversa dagli altri bambini.
Ringrazio per tutti i consigli che potrete darmi.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Buonasera Signora,
ci possono essere stati dei fattori aggravanti lo scorso anno per dare un peggioramento ed un'evoluzione clinica della vitiligine di sua figlia. Ci sono degli accertamenti da impostare in modo scientifico e sistematico per inquadrare bene il caso.Oggi ci sono delle possibilità terapeutiche per poter approcciare il problema facendo però prima una valutazione specialistica dermatologica dell'estenzione anche con una lampada particolare detta di Wood.
Per quanto riguarda il micrograftin per ora non glielo consiglio per vari motivi che le elenco:
1. la bambina è ancora piccola;
2. La patologia è in movimento e non stabile quindi non è ora il m omento di agire.;
3. prima del micrograftin bisogna aver escluso l'origine autoimmunitaria della vitiligine con uno screening serio;
4. Il micrografting è una tecnicxa cosidetta di secondo livello ovvero bisogna prima provare l'efficacia o meno di altri approcci farmacologici e strumentali , verificare il loro fallimento , aspettare la stabilizzazione della vitiligine almeno dopo lo sviluppo della bimba e poi eventualmente verificare se è fattibile l'inetrvento.
5.Non è detto che al 100% dia risultato.
Per questi motivi e per una valutazione migliore in sede idonea le dico che potrebbe informarsi sulla microfototerapia UVB localizzata a 311 nm.Purtoppo in questa sede non mi è possibile fornirle altri dettagli.
Mi auguro di averle chiarito un po' le idee.
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

la risposta è semplice:

non ascoltile "voci del popolo" ma si rechi immediatamente dal dermatologo per la diagnosi specifica e la terapia del caso, ben sapendo che più la vitiligine è recente e più l'età del paziente è bassa, migliori sono i margini di trattamento.

cari saluti

[#3] dopo  
Utente 725XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio per le risposte. P
urtroppo le "voci del popolo" sono voci di dermatologi che ho consultato, i quali alla fine mi hanno consigliato la terapia con le medicine che ho descritto. Per questo motivo sono preoccupata, perchè le informazioni sono discordanti e la bambina presenta macchie sempre più diffuse sulla pelle.
In realtà anche l'anno scorso la portai da un dermatologo, ma quando quest'anno ho visto il decorso preoccupante mi sono allarmata.
Chiedo quali potrebbero essere stati i fattori aggravanti che hanno derterminato il peggioramento dell'evoluzione clinica della vitiligine? di che natura?
Grazie ancora per l'aiuto.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
LA natura della vitiligine possiede almeno 4 teorie tutte accreditate scientificamente : sappia comunque che la predisposizione gentica rende impossibile ogni ipotesi su allargamenti delle chiazze o diminuzione delle stesse:

direi per la vostra serenità di affrontare il problema con un dermatologo di vostra fiducia e scegliere i presidi terapeutici (ad oggi se ne riconoscono diversi, dall'immunomidulazione topica specifica, alla somministrazione topica di derivati antiossidanti es. Superossidodismutasi et cetera, fino ad applicazione di cicli di luci UVB a banda stretta o laser ad eccimeri)

cari saluti