Utente 287XXX
Bungiorno,
premettendo che andrò a farmi visitare appena ho tempo, volevo sentire le vostre opinioni.
Da qualche mese, e fin da quando frequento la mia attuale ragazza, soffro di eiaculazione precoce. Al primo "tentativo" in genere non sorpasso i due minuti, a volte appena pochi secondi. La seconda volta duro già di piu, tuttavia avverto (magari è solo una mia sensazione) che la seconda erezione non è poi cosi forte e durevole (forse perchè ho meno voglia rispetto a prima) e quindi ci metto un po' del mio a velocizzare il rapporto, che comuque dura un po di piu della prima volta, intorno ai 5 minuti penso senza problemi.
A me pare strano quel che mi succede, vi spiego.
Nei (pochi) rapporti avvenuti con la mia precendente ragazza, non ho mai avvertito stimoli immediati, ma non saprei dirvi quanto "duravo" visto che dopo qualche minuto lo interrompavano noi volontariamente per evitare effetti indesiderati (senza precauzioni) concludendolo in altri modi, ma comuque qualche minuto di penetrazione lo si raggiungeva senza problemi.
Non so se questa diversità posso essere duvuto al grandissima attrazione fisica che avverto nella mia attuale regazza, a differenza della prima; e al sicuro maggiore stress/stanchezza che ho da qualche mese, duvuto sicuro in parte al lavoro che ho iniziato a fare (prima studiavo). Punto in comune tra i due rapporti è l'ansia da prestazione che mi coglie a volte, ma solo se assumo posizioni più attive (stando "sotto" non ho problemi). Ultima precisazione: sono circonciso (parziale) da quando ho 8 anni.
Grazie per l'attenzione e le risposte



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la eiaculazione precoce non é una malattia ma rappresenta il disagio sessuale più frequente...Come già ha intuito,essa può presentarsi o meno con partner diverse ed anche con la medesima partner...Il consiglio che le fornisco é quello di non puntare sulla ripetizione del coito,cercando,invece,di ottimizzare il primo.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la "tempistica" eiaculatoria dipende da molti fattori legati al maschio, alla femmina, alla situazione locale, allo stato d'animo.......
mi sembra che un tempo di due minuti non debba creare preoccupazione o disagio. Cerchi di dedicarsi molto alla sua donna e cercare di "gestire" la sua penetrazione con calma senza eccessi
con il tempo tutto si dovrebbe stabilizzare
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
Grazie delle risposte.
Ho sempre cercato di ottimizzare il rapporto, tentato di gestirlo meglio ecc, ma la maggior parte delle volte avverto subito stimoli e non c'è molto da fare. Avete qualche altro consiglio? grazie e scusate per il disturbo