Utente 341XXX
Buongiorno!
Vi scrivo circa un curioso problema che interessa la qualità delle mie erezioni, che si verifica solo in una certa condizione, ossia quando divarico le gambe.
Per intenderci, se , in erezione, divarico le gambe oltre un certo "range" di apertura, noto che il glande si sgonfia, ma se torno a riavvicinarle, dopo un po' esso riacquista il tono perso.
Ci tengo a precisare che lamento questo problema solo in questo caso, per il resto non accuso altri problemi.
Le erezioni mattutine sono vigorose e avvengono quasi ogni giorno, non ho problemi nemmeno ad avere un'erezione partendo da uno stimolo visivo e in altre posizioni riesco mantenere un soddusfacente grado di turgidità. Sapreste, gentilmente, dirmi se ciò basterebbe ad escludere che si tratti di un problema a livello cricolatorio del pene?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a naso quello che descrive è un fenomeno normale, dovuto allo strizzamento del corpo spongioso dell' uretra che comunica direttamente con il glande.