Utente 341XXX
Buongiorno,

la mia domanda è semplice, ma raramente viene trattata. mi chiedo, in eventuale presenza di clamidia o di altra malattia sessualmente trasmettibile (uomo), se il rapporto orale scoperto passivo (donna che mette la bocca) con eiaculazione all'esterno possa essere sintomatico di contagio probabile.
Tengo a precisare che il sesso non presentava nessuna alterazione visibile.
ho già fatto un test, a 18 gg, che spero sia almeno minimamente attendibile.
grazie mille.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
teoricamente la presenza di una malattia venerea aumenta il rischio di contagio di altre patologie tra le quali l'hiv. La possibilità di contagio attraverso un rapporto orale è bassa e necessita di un sanguinamento da parte della partner e di eventuali lesioni a livello dell'organo genitale.
Per sicurezza ripeta il test a 3 mesi dall'evento a rischio.
Saluti