Utente 166XXX
Buongiorno,
ho 39 anni e sono affetta da Sjogren, steatosi epatica e fibromialgia.
Circa un mese e mezzo fa ho eseguito una tac per controllare la possibilità di un'inizio di interstiziopatia polmonare secondaria alla Sjogren visto che è da più di un anno che ho tosse persistente, ho avuto 2 broncopolmoniti e bronchiti recidivanti. L'esito per interstiziopatia polmonare è negativa. Sono stati riscontrati però due nodulini polmonari e una formazione di circa 3 cm classificata come possibile cisti pleuro pericardica. Mi è stata quindi eseguita una tac con mdc meno di un mese fa: I nodulini li ricontrolleremo tra 4 mesi, per il cuore invece mi è stata prescritta una rmn cardiaca cine rmn con mdc.
Non so se sia una coincidenza, ma dopo mezz'ora dalla somministrazione del mdc ho avvertito mal di testa, nausea e un fortissimo calore al petto che hanno accentuato le precordialgie che sono in fase di studio da un po di tempo (precordialgie, tachicardia,pressione labile spesso alta con picchi della minima anche a 138!), e cosa più strana è che sono settimane che le urine hanno un fortissimo odore ed entrambi i reni dolorano e li sento come pesanti e dalla parte del fegato ho dolori e mi sembra di avere una palla.

A questo punto mi domando:
-Tra due settimane ho la rmn, è consigliabile che io esegua in maniera cosi ravvicinata un'altro esame con mdc? Mi chiedono tra l'altro una creatinina eseguita da almeno 45gg quando l'esame me lo hanno prenotato tra 3 sett!
-La sintomatologia avuta dopo somministrazione è da ritenersi reazione allergica?

Non mi fecero fare nessun controllo renale, io gli dissi che ho avuto reazioni allergiche da farmaco (due tipi di antibiotici) e alimentari. Credo di avere anche qualche allergia a piante o polvere perchè tutti i giorni oramai parto con attacchi di tosse,e successivamente starnuti e lacrimazione degli occhi e prurito anche al corpo. A volte la tosse è talmente persistente che ho conati di vomito, o addirittura tra tosse e stranuti mi si presenta prurito in gola che è come se mi andasse di traverso la saliva e mi manca il respiro.

Per l'esecuzione di questo esame è strettamente necessario il md? Non posso farlo senza? Non mi sento affatto tranquilla, a questo punto preferisco non eseguire l'esame se è obbligatorio il mdc. Ho sentito di persone che nonostante profilassi antiallergiche prima dell'esecuzione ebbero comunque reazioni avverse.

Ringrazio fin da ora per eventuali risposte.

Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
gli agenti di contrasto utilizzati negli esami TC e RM sono diversi nella composizione chimica ma in ogni caso associati al rischio di nefropatia: pertanto è sempre richiesto un dosaggio della creatininemia prima dell'esecuzione dell'esame. Se non ha un valore più "vecchio" (ma verosimilmente ce l'ha, dato che riferisce una diagnosi di connettivite sistemica) potrà presentare un dato di questi giorni.
Non vi sono motivi di ritenere che la prescrizione delle indagini non sia appropriata; Le ricordo che stiamo parlando di due esami differenti, con "obiettivi" differenti e differente capacità di "vedere" (e, in relazione a quest'ultimo aspetto, l'uso del mezzo di contrasto è inteso ad acquisire informazioni ulteriori e spesso necessarie).

Quanto riferito in seguito alla somministrazione del mezzo di contrasto iodato appare in prima ipotesi imputabile ad effetti collaterali prevedibili, non immunomediati, del farmaco associati ad una reazione ansiosa. Ad ogni modo, se i colleghi avessero dei dubbi in merito, possono consultare direttamente un allergologo.

Per quanto concerne la tosse e gli starnuti, senz'altro deve essere considerata la possibilità di una genesi allergica.

Saluti,
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dr. Marchi,
la ringrazio per la risposta. Il 22 ho la risonanza e per precauzione mi hanno dato un programmino per la somministrazione di una pre-medicazione antiallergica.
Le porrei un'altra domanda. Nel questionario che mi hanno dato da compilare relativo all'esame, mi chiedono se ho problemi epatici attivi in corso. Io ho risposto si in quanto ho la steatosi epatica. Puo' essere motivo di non esecuzione dell'esame o è legato al solo problema del mezzo di contrasto quindi non puo essere somministrato?
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Come già accennato nella mia prima replica, non sembrerebbe essersi trattato di una reazione allergica, per cui la premedicazione non dovrebbe essere in grado di garantire alcun grado di copertura (se non per l'eventuale componente ansiosa).
Un ulteriore dubbio sull'utilità della premedicazione scaturisce dall'eventuale "successo", in tal senso, verso un farmaco differente (che potrebbe essere perfettamente tollerato anche senza).

La steatosi epatica non controindica l'uso del mezzo di contrasto.

Saluti,