Utente 325XXX
Salve,
per parecchi anni ho subito dei fastidiosi e purtroppo evidenti arrossamenti al viso, senonchè a Nov/Dic dell'anno scorso, l'arrossamento ha raggiunto una intensità elevata (da ustionato!) con bruciori e prurito, per cui recatomi dal dermatologo mi diagnosticò una dermatite seborroica. Anche il cuoio capelluto era ricoperto di squamette e molta forfora con prurito ( ma non arrossato) probabilmente perché utilizzavo il minoxidil al 5%. Quando applicavo il minoxidil (industriale) sul cuoio capelluto il volto puntualmente si arrossava. A Nov. dello scorso anno la situazione è andata fuori controllo e quindi non era più rinviabile la visita dermatologica. Lo specialista mi prescrisse: Elocon e Dermana Piesse shampoo (per il cuoio capelluto), Travocort (per il viso), Sporanox (2 cps per 7 giorni). Dopo 10-15 gg la situazione è migliorata e la visita di controllo di metà gennaio lo confermò. La pelle del viso migliorò così tanto che mi dimenticai di aver sofferto di dermatite per anni. Alla visita di controllo (di metà gennaio) il dermatologo mi prescrisse lo shampoo come sopra, FloganDet (detergente), una crema di mantenimento (Dermana CP 18), Travocort al bisogno. Io però utilizzavo per il viso la FloganGel, della quale proprio lo specialista alla prima visita mi regalò numerosi campioncini, la quale mi dava una sensazione di calore (ma non rossore). Purtroppo, dopo alcune settimane da sogno, sono sopraggiunte alcune macchie e quindi per evitare peggioramenti ho utilizzato il Travocort per 3 gg ma poi ho smesso senza risultato. A questo punto mi sono ricordato della Dermana CP 18, ma applicata sul viso (per alcuni giorni) mi ha dato un certo rossore. Questa volta ho rifatto il ciclo di sporanox (erano passati quasi tre mesi dalla prima somministrazione e Travocort per circa 8 gg, ma non ho ottenuto i risultati della prima applicazione.
Anzi Sembra che il Travocort non mi sia di aiuto. In pratica sul viso si è formato una sorta di "alone" rosato sul naso e ai lati del naso (sulle guance) che sembra resistere. Il Travocort comunque l'ho abbandonato. La situazione non è drammatica come fine anno, ma essendomi innamorato di quei risultati straordinari ottenuti, Le volevo chiedere se secondo Lei, si possa magari fare un ciclo (2-3 settimane) con il Travogen (che è solo antimicotico senza la componente cortisonica).

P.S.: da metà gennaio utilizzo un minoxidil (ai nanosomi) molto più costoso del minoxidil "semplice" con alcool e glicole, ma assolutamente non aggressivo e senza che il cuoio capelluto ne risenta a livello di forfora (che il primo mi procurava a livello industriale).

La ringrazio e cordialmente La saluto

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In linea generale non ci sono obiezioni alla terapia con
Antimicotico, ma sarebbe meglio fare una strategia terapeutica integrata, con magari anche farmaci per via orale (previo controllo) e galenici locali. Meglio non abusare di cortisonici che espongono all'effetto rebound!
Ovviamente visto la complessità del quadro e' obbligatorio che venga fatto un controllo dallo specialista .
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore,
per quanto riguarda l'antimicotico topico (sempre senza cortisone) c'è il rischio che la malassezia "si abitui" al farmaco ? (Forse bisognerebbe fare cicli di un paio di settimane e poi alcuni giorni ogni mese come richiamo).
Volevo sapere quali sono i farmaci per via orale (nella dermatite seborroica), e se per preparazioni galeniche si fa riferimento a erbe, piante, sostanze naturali (come per es.il tea tree oil, echinacea) che il farmacista dovrebbe comporre su prescrizione dello specialista.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
La composizione dello schema terapeutico sarà opportuno che fosse fatta sulla sua obiettività specifica in modo da risultare più funzionale al suo caso.
Ma in linea generale anche l'antimicotico per via generale può essere preso in considerazione , insieme alla composizione di galenici a tipo solfosalicilica e simili.
Ls terapia locale deve essere fatta ovviamente per un tempo congruo , ma da modulare sulla sua risposta.
cordialità
[#4] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Griselli,
In attesa della sua risposta, navigando in rete, su un sito che si occupa di problematiche della pelle, una dottoressa dermatologa propone in un suo articolo, tra le altre cose, per quanto riguarda l'utilizzo di antimicotici sistemici, questo approccio terapeutico:
- Itraconazolo: dosaggio di 200 mg/die per 7 giorni (induzione) e 200mg/die per 2 giorni al mese per 11 mesi (mantenimento).

Lei cosa ne pensa ?

(Mi riferisco in particolare alla parte relativa alla fase di mantenimento, tenuto conto che un ciclo completo di sporanox -8gg- l 'ho completato un paio di settimane fa).
[#5] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Un approccio personale, ma fondato su dati razionali.
Non sono contrario; ma ovviamente va riservato a forme particolari.
Cordialità
[#6] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Griselli,
grazie per la sua disponibilità.
La Saluto Cordialmente.