Utente 150XXX
Bongiorno ci scrivo perché in qiest'ultimo periodonon riesco di fare a meno a pensare.Proprio ieri ho finito il mio tempo relativo alla gravidanza.Premetto che circa un mese fa ho fatto tutti gli esami per la coagulazione e quindi visita anestetica per parto indolore con epidurale.....però purtroppo avendo il fibrinogeno a 715 il mio ginecologo mi sta facendo fare la seleperina da 0,4.....dicendomi che occorrera' sospenderla 12 ore prima dell'epidurale....ora leggendo le controindicazioni del farmaco vedo che potrebbe portare ad un ematoma a livello spinale...conseguenza paralisi...hoolta paura sia nel farla che nel dover affrontate il parto senza e cioè con tutti i dolori.....vorrei sapere gentilmente se 12 ore sarebbero un tempo idoneo per scongiurare problemi eventuali..... vi prego rispondete sono in ansia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buongiorno, Le confermo che trascorse 12 o più ore vi sarà un margine di sicurezza più che sufficiente per poter essere sottoposta ad analgesia del parto con tecnica epidurale. Lei però quando vedrà in ospedale l'anestesista lo avverta della terapia prescritta dopo la visita anestesiologica di idoneità.
Sarà probabilmente necessario richiedere un ulteriore controllo ematologico di laboratorio (conta piastrinica e tempi della coagulazione: PT e PTT) per sincerarsi che non siano intervenuti eventuali alterazioni emocoagulative indipendenti dalla terapia effettuata, giacchè non vi sono test specifici che possano controllare l'effetto della eparina a basso peso molecolare somministrata sottocute in queste settimane, salvo una ipopiastrinemia talvolta riscontrabile occasionalmente in pazienti che hanno ricevuto questa profilassi.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Intanto la ringrazio anticipatamente della sua esaustiva e celere risposta. Volevo solo informarla della circostanza che ho fattole seguenti analalisi in data 21.02.2014 e che sono risultati cosi' tempo di protrombina 12,32 attività protrombinica 92,5(70-130) tempo di tromboplastina parziale 27,50(22-34)INR 1,5 (0,80-1.20)antitrombina III 98(77-125) sempre con fibrinogeno alto e un po di anemia....ma non molto hgb 11,7- hct 33,6 eritrociti 3,78 leucociti 9,42.....sec lei dovrei fare altri esami o ripeterli per tranquillita' di epidurale e se si quali di questi???????le ricordo che i primi su citati li ho fatti il il 21 febbraio relatii alla coagulazione mentre emocromo 17 marzo Grazie in anticipo delle sue risposte esaurienti e della sua pronta gentilezza.
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buonasera. Non deve preoccuparsi di rifarli perché li effettuerà in urgenza il giorno che entra in ospedale per il travaglio se decide di effettuare l'analgesia del parto (personalmente li controllerei in ogni caso nell'eventualità di un cesareo inaspettato, se decide di non fare l'epidurale).
Occorre un emocromo (per vedere la conta delle piastrine), un PT (tempo di protrombina) detto anche tempo di Quick con il tasso INR correlato, e un aPTT (tempo di tromboplastina parziale attivata). Questi esami sono il pane quotidiano degli anestesisti per cui non deve preoccuparsi di nulla e affidarsi a lui con fiducia una volta ricoverata.
Con i migliori auguri...