Utente 308XXX
Salve,
da circa due anni e mezzo accuso un sintomo alquanto "particolare" di cui non sono riuscito a venirne a capo e nè ho trovato molte informazioni a riguardo.
Il mio problema è il seguente.
Ogni volta che parlo con qualcuno (spesso anche soltanto al telefono) per più di 5-10 minuti di fila accuso sintomi come capogiri, sensazioni d isvenimento imminente, tensione alla mandibola e alle tempie, confusione mentale e, a volte, anche nausea e dispnea senza affanno.
Questi episodi si ripetono anche più volte durante la giornata e aumentano con l'innalzamento della voce.
Ho una leggera deviazione del setto nasale sinistro e una leggera ipertrofia nasale dovuta ad allergia agli acari della polvere e al polline.
Questo problema, come immaginerete, mi porta a vivere malissimo.
Il mio lavoro mi porta, a volte, ad isolarmi anche per più di 2-3 giorni in cui mi capita di parlare pochissimo e altri giorni in cui devo affrontare lunghi dialoghi.
La mia sensazione è quella di stare in apnea. Ma perchè?
Cosa potrei fare? A chi potrei rivolgermi?

Grazie anticipatamente
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Rosanna De Vita
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Salve. Ho letto attentamente ciò che hai scritto a proposito del tuo problema. Non conoscendoti non è molto semplice darne una interpretazione. Comunque debbo dirti che ho già visitato dei pazienti che avevano dei sintomi simili a quelli che hai riferito. Volevo chiederti se avevi mai fatto fino ad ora una visita foniatrica o terapia foniatrica. Si potrebbe trattare di una disfonia disfunzionale che ti porta ad un cattivo uso della voce e, quindi, ad uno sforzo vocale, ma anche un problema ansioso, anche di piccola entità, che abbia potuto portare a una disfonia psicogena. Ti consiglio al più presto una visita foniatrica con fibrolaringoscopia per valutare la morfologia della laringe.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Salve, la ringrazio anticipatamente per la celerità della risposta.
Ho già fatto alcune visite audiologiche per problemi legati alle vertigini soggettive croniche. Nessun problema riscontrato.
Diagnosi: vertigini soggettive psicogene.
Nel post precedente ho dimenticato di aggiungere che quando avverto i sintomi descritti (nell'90% dei casi in cui parlo in maniera prolungata) la voce non si abbassa nè accuso mal di gola o naso chiuso. L'unicà particolarità e che mi rimane un sapore strano in bocca.
Le sensazioni che avverto sono simili a quelle da iperventilazione o da apnea.
Le persone spesso mi dicono che parlo con voce troppo alta.
Per quanto riguarda il rapporto tra il cattivo uso della voce e l'ansia posso dire che soffro di disturbi da attacco di panico e ansia generalizzata (diagnosi a cui non ancora non credo).
Quali potrebbero essere gli altri motivi della "disfonia disfunzionale" alla mia età?

Grazie ancora
Cordialità
[#3] dopo  
Dr.ssa Rosanna De Vita
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
La disfonia funzionale è una condizione in cui il soggetto, per ottenere una sonorità laringea più intensa, pone sotto sforzo la muscolatura impegnata nella fonazione, particolarmente quella della laringe.E' determinata da abuso e iperfunzione vocale, cioè quando lo sforzo vocale viene perpetuato.
Prima di fare supposizioni la cosa migliore, a parer mio, è quella di fare una visita foniatrica e una fibrolaringoscopia per valutare la morfologia laringea.
Cari saluti