Utente 336XXX
Gentili Dottori, vi illustro la mia situazione
Ho 21. A fine anno inizio ad avvertire un continuo senso di acidità, di reflusso, con qualsiasi cosa mi mangi. In quel periodo avevo incrementato i miei allenamenti: faccio un po' di corsa al parco con esercizi di addominali e flessioni annessi, e avevo rincarato la dose di addominali, ma niente di chissà quanto pesante. Ma questo senso di acidità e i continui rutti ho iniziato ad avvertirli anche durante la corsa, come se stessi sempre digerendo. A volte giungeva anche un leggero mal di pancia con lo stimolo di emettere aria. Ma niente extrasistoli per il momento. Nel giro di qualche settimana inizio ad avvertire delle extrasistoli e le avverto inizialmente solo la sera, nel letto, sottolineo che non passavo molto tempo dalla fine della cena, che comunque era leggera. Da qui inizio ad avvertire questa extrasistoli sporadicamente anche durante il giorno, a volte durante la masturbazione, anche se non sono molto fastidiose e con un leggero mal di pancia. Durante la corsa mai. E neanche durante gli esercizi. Solo dopo avere fatto le trazioni, al momento in cui salto a terra, ho come la sensazione che nella pancia si muova qualcosa e sento sporadicamente un extrasistole ma a livello della bocca dello stomaco, non al petto, ne allo sterno. Anche le altre volte le sento sempre in questo punto. Col tempo ho fatto caso che se pranzavo o cenavo e mi stendevo sul divano avevo delle extrasistoli sempre accompagnate da acidità o reflusso o mal di pancia. Ho iniziato a non stendermi subito sul divano, a bere un po di acqua frizzate, fare qualche rutto e poi stendermi, e cosi facendo non ne avverto più. Ho anche smesso di bere latte. Ho notato che diminuendolo mi comparivano meno extrasistoli e quindi ho pensato di non berne proprio più. Ora il reflusso e l'acidità non si stanno più manifestando, se non in una forma sporadica e lievissima. Forse proprio per avere abbandonato il latte e per consumare dello yogurt. Però come ho detto poc'anzi, le extrasistoli a volte compaiono ancora, quasi sempre dopo i pasti. A volte non le avverto per giorni, a volte per settimane. A volte capita, ma molto sporadicamente, che se mi piego, o mi giro sul busto da sdraiato ne avverta una. Sempre alla bocca dello stomaco. Ho fatto dei controlli al cuore a marzo per un concorso. Un ecocardiogramma a riposo, poi la prova a step coi i gradini per il certificato per l'attività sportiva agonistica di primo livello e un ecocardiogramma eco color doppler. Non è emerso nulla. soprattutto in quest'ultimo. Nessuna anomalia, niente di niente. Pensate che quindi il mio possa essere solo un problema di carattere intestinale o un ernia iatale?? Mio padre ha un ernia iatale. Potrei averla ereditata? Infine queste extrasistoli anche se fossero causate dall'ernia possono danneggiare il cuore? Cosa mi consigliate. Grazie infinite per le risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Innanzitutto bisognerebbe capire se si sta parlando di extrasistoli sopravntricolari o se di ventricolari. Se le extrasistoli sono sopraventricolari un reflusso gastroesofageo può essere un fattore scatenante (ma non è il solo) attraverso l'infiammazione della mucosa che determina e le risultanti modifiche della dinamica esofagea, poichè l'esofago prende rapporti con la parete posteriore dell'atrio sinistro; se invece sono ventricolari il reflusso non ne è responsabile e può esserci un'azione facilitante di tipo "meccanico" operata da un'ernia iatale o da una distenzione dello stomaco con sollevamento diaframmatico, ma anche in questo caso è bene tener presente che chi soffre di extrasistoli ha uno spettro molto ampio di fattori facilitanti, che non sono limitati all'apparato gastrointestinale. Eviti l'uso di sostanze gasate, l'alcool o i superalcolici, le sostanze eccitanti come thè, caffè etc, il fumo di sigaretta e l'abuso di cioccolata e dovrebbe andare molto meglio. In ultima analisi continuando i problemi gastrici si rivolga ad un gastroenterologo.
Cordilamente
[#2] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2014
Non fumo e ho già eliminato il caffè, thè e bibite gasate, bevo solo l'acqua frizzate e praticamente sono astemio. Ma dal punto di vista cardiaco posso stare tranquillo dato i controlli che ho fatto? Grazie nuovamente.